Varese

Varese, Festa al bosco a Capolago, ricco menù con polenta e fritto misto

La location della festa

La location della festa

Come ogni anno ritorna l’evento organizzato dal gruppo alpini Alfonso Rodili insieme alla banda Giuseppe Verdi. L’immancabile “festa al bosco”, come la chiamano affettuosamente organizzatori, apre le danze venerdì 13 luglio alle ore 19 in via del Porticciolo (dal 13 al 22 luglio la durata della festa).

Nel pieno dell’estate varesina tornano protagonisti gli Alpini. Il gruppo Alfonso Rodili insieme alla Banda Giuseppe Verdi sono i protagonisti della “festa al bosco”: la sagra che anima il rione di Capolago e non solo.

In via del Porticciolo le due associazioni attendono i loro ospiti dalla sera di venerdì 13 luglio. Per i successivi dieci giorni la provinciale del Lago sarà invasa dall’odore di polenta, pesce fritto e carne alla griglia, all’insegna delle tradizioni alpine. Numerosi sono volontari che donano il loro tempo per garantire un servizio completo agli ospiti – sia a pranzo che a cena: dalle ordinazioni fino alla consegna ai tavoli.

La Festa, ormai, è una vera e propria realtà consolidata: «Da anni lavoriamo per organizzare questo evento – spiegano gli organizzatori – e ogni estate affrontiamo questi 10 giorni di lavoro con molta passione e spirito di sacrificio».

Queste energie, infatti, non sono sprecate: il ricavato, oltre a sostenere le associazioni organizzatrici, serve anche per i più bisognosi: «Aiutare il prossimo – raccontano i promotori della kermesse – è nel dna alpino. Questi gesti rappresentano simbolicamente la nostra storia e la nostra identità».

Un altro simbolo fondamentale sono i volontari: ogni anno numerosi amici donano il loro tempo per una giusta causa: «Sono loro il vero cuore pulsante della festa – concludono gli organizzatori –, lavorano incessantemente per 10 giorni e creano un’atmosfera di comunità vera: cosa difficile da trovare al giorno d’oggi».

Ultimo simbolo – non per importanza – il menù: la vera arma vincente della festa. Non può mancare la polenta – con asino, gorgonzola o caprino – così come la trippa; ma anche il rinomato fritto misto. Senza dimenticare il più classico dei “piatti” da festa popolare: il panino con la salamella insieme ad altre specialità alla griglia. Non mancheranno, ovviamente, varietà di contorni e una vasta scelta di bevande, vini, birre, fino agli ammazzacaffè.

Non resta che segnare l’evento in agenda: gli alpini vi aspettano in via del Porticciolo per mangiare e bere tutti insieme, come sempre in allegria!

10 luglio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi