Varese

Varese, Progetti di inclusione negli oratori estivi, il contributo del Comune

Oratori-tempo-di-iscrizioni_articleimageInsieme Ingioco è un’iniziativa di sinergia e valorizzazione delle risorse di rete che gli oratori della città da sempre vivono e che in questa estate trova occasione di visibilità grazie a un Bando del Comune di Varese per creare nuovi progetti di inclusione negli Oratori Estivi.

Il risultato? In campo ci sono 11 progetti di inclusione che quattro comunità pastorali della città hanno attivato su 10 sedi di Oratorio Estivo: cinque presso la comunità pastorale Beato Carlo Gnocchi, due per la CP Maria Madre Immacolata, uno per la Comunità pastorale S. Antonio in centro e ancora tre per la CP Beato Marzorati.

I progetti promuovono attenzioni diverse, a partire dalle esigenze lette sul territorio e attivano risorse educative professionali di diverso genere a seconda dell’utenza: alcuni progetti sostengono l’inclusione di bambini con disabilità fisiche o cognitive, altri sono a sostegno di bambini e ragazzi con disturbi relazionali o anche solo in età delicate di passaggio quali la preadolescenza e l’adolescenza; altri progetti ancora valorizzano lo strumento dello sport come occasione di inclusione a 360 gradi.

Da sempre gli oratori si contraddistinguono per la più ampia apertura possibile delle proprie iniziative estive e non, contesto nel quale bambini di ogni cultura e ceto, di ogni condizione anche di salute e abilità sono accolti con le loro famiglie, per capire che tipo di attenzione attivare per l’inserimento dei propri figli. Anche di fronte all’emergenza educativa non ci si è fermati e ci si è sempre chiesti come poter includere, con le poche risorse volontarie, ogni tipo di bambino e bambina la cui famiglia chiedesse questa possibilità.

Il Bando lanciato dal Comune nel mese di maggio ha creato un’occasione in più per assicurare questo valore aggiunto che gli oratori possono garantire questa estate. Questa è una modalità di azione che mette in evidenza la sinergia tra gli oratori e che dimostra la loro capacità di agire di concerto con l’Amministrazione Comunale e i Servizi Sociali.

Il costo complessivo di questi progetti è poco più di 30mila euro e il comune interverrà con un contributo di 20mila che gli oratori si aggiudicano dopo aver presentato un debito progetto che verrà valutato dall’apposita commissione. La restante parte dei costi rimane a carico degli oratori che continuano ad investire anche risorse proprie per questo tipo di finalità.

26 giugno 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs