Varese

Varese, Articolo Tre lancia la nuova edizione del Gran galà in blu

Gli organizzatori dell'iniziativa

Gli organizzatori dell’iniziativa

Lanciata questa mattina la seconda edizione del Gran galà in blu #bluecarpet. Lo scorso novembre si è svolta al De Filippi la prima edizione di questa cena benefica, il cui menù è interamente preparato da squadre che competono tra loro per la vittoria finale e il cui ricavato è finalizzato alla realizzazione di un progetto per la formazione di educatori sportivi che abbiano una specifica preparazione verso le persone con autismo.

Dichiara il presidente dell’associazione Articolo Tre, Emanuela Romeo: “Con molta soddisfazione, oggi ringraziamo ancora una volta chi, lo scorso novembre, ha contribuito con la sua collaborazione, con la sua presenza  e il suo operato, profondendo un immenso entusiasmo, alla riuscita dell’evento, anche oltre quelle che erano le nostre aspettative.

A tal proposito, oggi vogliamo anche dare un quadro dello stato dell’arte relativo al progetto, ciò per la massima trasparenza del nostro operato e per rispondere a Confconsumatori che in tal senso ci ha sollecitato più volte, anche dopo una nostra prima risposta. Confconsumatori ricordiamo, fu nostro partner nell’organizzazione dello scorso gran galà, aderendo al progetto, seppur esso fosse ancora in uno stato embrionale e senza una strutturazione definitiva. Ad oggi, i nostri fondi a disposizione per il progetto, ammontano a circa € 2.000, di cui  € 1.800 raccolti nell’occasione del gran galà dello scorso anno. Per la definizione della strutturazione del progetto, abbiamo contattato chi, nell’ambito di sport e disabilità, ha sicuramente una vasta e provata esperienza.  Ci siamo incontrati con la dottoressa Linda Casalini, referente nazionale di FISDIR, federazione italiana sport disabilità intellettiva relazionale.

Abbiamo fatto una prima valutazione dei costi necessari, trovando una formula organizzativa dei corsi, che ben si sposa alla nostra idea e ben va a braccetto con le disponibilità economiche a nostra disposizione.  Pertanto, l’idea che ha preso forma è quella di organizzare dei corsi di formazione indirizzati ad operatori sanitari, insegnanti di sostegno, educatori, ma anche professori di qualsiasi materia scolastica. Questi corsi daranno ai partecipanti, che potremo chiamare educallenatori, le capacità di interagire con i ragazzi con autismo (disabilità intellettive relazionali), coadiuvandoli nelle attività motorie ed affiancando l’istruttore tecnico.

Gli educallenatori potranno svolgere il loro intervento nelle scuole, dove nel segno di una proficua inclusione, potranno affiancare l’insegnante di motoria in modo da inserire il ragazzo con autismo nello svolgimento di attività di squadra, facendo vivere una educativa esperienza di gruppo.

Stiamo attualmente lavorando alla individuazione dei docenti dei corsi, con i quali poi valuteremo le ore di formazione necessarie.
Stiamo ricercando sale e luoghi adatti allo svolgimento dei corsi, a seconda del numero dei partecipanti. A settembre/ottobre, partiremo con una campagna informativa al fine di raccogliere le adesioni per la partecipazione al corso. Non conoscendo ad oggi, quante persone intenderanno iscriversi ai corsi, non ci è possibile stabilire una somma di spesa totale, alla cui definizione concorreranno il tipo di sala necessario, le ore formative ed il compenso per i relatori. Non sappiamo quindi se i fondi attualmente a disposizione siano sufficienti o di quanto dovranno essere incrementati”.

Quanto alla seconda edizione del galà, si svolgerà ancora a novembre nella splendida location del De Filippi. Questa volta le squadre partecipanti saranno 4 e non più 3.  Le squadre di questa edizione saranno formate da giornalisti, politici, imprenditori e personaggi sportivi, ciascuna squadra composta da tre elementi ed avranno il compito di preparare il menù della serata antipasto, primo, secondo e dolce.

La squadra vincitrice verrà eletta per mezzo della votazione dei commensali e di una giuria di qualità.
Abbiamo già avuto l’adesione di alcuni componenti delle squadre e se, tra voi giornalisti, ci fosse qualcuno interessato a formare la squadra, ne saremmo lieti.

22 giugno 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs