Varese

Varese, Cosentino sull’Area Camper alla Schiranna: spazio abbandonato

Area Camper alla Schiranna

Area Camper alla Schiranna

Il consigliere regionale Giacomo Cosentino, della Lista Fontana Presidente, denuncia il totale abbandono nei confronti dell’Area Camper della Schiranna, realizzata e mai utilizzata.

“L’area camper della Schiranna è stato un progetto che abbiamo portato avanti durante la Giunta Fontana, con gli ex assessori Stefano Clerici e Riccardo Santinon” dichiara il consigliere regionale Giacomo Cosentino, che oggi denuncia una situazione di degrado e di totale abbandono.

“Il restyling dell’area è costato all’amministrazione comunale 60mila euro (di soldi pubblici), a cui si aggiungono anche 20mila euro di finanziamenti – spiega Cosentino, portando all’attenzione di tutti alcuni dettagli del progetto – La riqualificazione è stata portata avanti nel 2016 ma ad oggi, con la nuova giunta comunale non solo nessuno sembra interessato a proseguire quest’opera e ad aprirne le porte per il turismo, ma anzi la struttura è stata completamente abbandonata” sottolinea il consigliere.

“Questo è un aspetto negativo per la città, verso i suoi cittadini, ma anche per le persone che vengono da fuori, che non possono in questo modo beneficiare di un’area rimessa a nuovo”.

Conclude infine il consigliere “Ad oggi l’area è chiusa al pubblico, diventando così una zona aperta a zingari ed extracomunitari”.

6 giugno 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Cosentino sull’Area Camper alla Schiranna: spazio abbandonato

  1. paola barresi il 8 giugno 2018, ore 22:48

    Caro sig. Cosentino, adesso tutti gli abitanti della Schiranna hanno capito di chi è la colpa per la realizzazione di una opera che come è stata concepita (60.000Euro piu’ 20.000 Euro piu’ altri almeno 50.000 per la prima realizzazione, oltre ai circa 80.000 Euro dell’inutile porto di Capolago fanno circa 210.000 Euro) non è accettabile.
    In passato agli abitanti è stata sottoposto il progetto per la realizzazione di una area camper dotata di servizi (bar, cucina, piccola sala da pranzo e altri locali) con la presenza di un gestore sempre presente e questa proposta è stata accettata.
    L’area camper doveva anche servire per aiutare la presenza delle persone che operano nel luna park annuale.
    Una area non presidiata, come quella che avete costruito, concepita senza la presenza di un gestore, diventa certamente una bomba per il quartiere Schiranna in quanto sarebbe subito presa di mira dai nomadi alla cui vista qualunque turista si allontanerebbe subito.
    Già da Settembre scorso e sino a Marzo di questo anno sono stati presenti tre camper di nomadi, ma come ? lei non lo sapeva? non è informato? è troppo preso con le tasse automobilistiche delle auto d’epoca?
    Ha idea sig. Cosentino quanti bei lavori si potevano effettuare nel quartiere Schiranna in modo da renderlo piu’ piacevole ed accogliente sia per i turisti che per gli sportivi del remo e delle moto che qui vengono molto spesso (marciapiede dalla provinciale sino al lago, spartitraffico con aiuola e parcheggi all’incrocio tra le vie Macchi e Dei canottieri, piccolo porto galleggiante per barche da diporto con almeno 10 posti, costruzione della strada passante tra le due vie nella parte a valle del ristorante Mariuccia, ecc..).
    Purtroppo la leghista le confermo che nel recente passato NON avete lavorato bene, spero facciate meglio alla regione Lombardia.
    A proposito le rammento che la campagna elettorale è finita quindi ci risparmi il suo battere i pugni sul petto.
    Cordialità

  2. correr andrea il 9 giugno 2018, ore 22:41

    E bravo il sig Cosentino, dice il proverbio “la cavagna che si vanta è senza fondo”, a forza di parlare per niente ha detto anche quello che era meglio tacere.
    Certo che il porto di Capolago dove non si è MAI ancorata una barca è proprio un bel monumento (si ma alla dabbenaggine).
    L’area camper della Schiranna è un altro monumento ma lascio a lei pensare a cosa!

Rispondi