Varese

Varese, La piazza ricorda la Battaglia di Biumo e la vittoria di Garibaldi

La deposizione della corona

La deposizione della corona

Una cerimonia che ha rinnovato, ieri pomeriggio, i sentimenti nazionali e il legame con la storia risorgimentale italiana. Ieri pomeriggio si è svolta la cerimonia che ha evocato la battaglia di Varese, quando i Cacciatori delle Alpi, guidati da Garibaldi, contro le truppe austriache del Regno Lombardo-Veneto che furono sconfitte, in quella che fu la prima battaglia vittoriosa della Seconda Guerra di Indipendenza.

E’ stata l’associazione, presieduta da Luigi Barion, “Varese per l’Italia 26 Maggio 1859″ ad organizzare come ogni anno il corteo e poi la deposizione della corona e il discorso ufficiale. Il corteo è partito da piazza Cacciatori delle Alpi ed è giunta nella piazza del Garibaldino – con la partecipazione straordinaria della banda musicale di Velate e della Fanfara dei Bersaglieri “Vidoletti” di Vergiate.

In piazza del Garibaldino Barion ha esordito ringraziando il Comune per non avere autorizzato banchetti o gazebo nella stessa piazza, come era accaduto in passato. A rappresentare Palazzo Estense il sindaco e il vicesindaco. Presente in piazza anche il capogruppo di Forza Italia Simone Longhini. Barion ha ricordato anche il recente viaggio a Redipuglia da parte dell’associazione, sottolineando come il Risorgimento abbia trovato la sua conclusione nella Grande Guerra.

Dopo la deposizione di una corona alla base del monumento dedicato ai Cacciatori delle Alpi, il professor Antonio Orecchia, dell’Università dell’Insubria, ha tenuto il discorso ufficiale. Al termine della manifestazione, i Bersaglieri si sono esibiti in piazza Monte Grappa.

 

 

 

 

 

 

27 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs