Varese

Varese, Calemme (FI): qualche pensiero in vista del compleanno della giunta Galimberti

Carlotta Calemme

Carlotta Calemme

Riceviamo e pubblichiamo un contributo della Consigliera comunale di Forza Italia, Carlotta Calemme, sulla situazione politica di Varese: 

“Manca poco al compleanno della Giunta Galimberti, sono passati meno di due anni, eppure questa giovane Giunta è già stata protagonista di numerosi colpi di scena. No, non parlo della realizzazione di nessuna delle promesse fatte da Davide Galimberti in campagna elettorale, bensì dei tanti abbandoni e cambi di casacca che caratterizzano questa amministrazione.
Prima le dimissioni di Bortoluzzi e di Gregori, eletti nella lista civica del Sindaco, il salto di Iannini nel gruppo misto, per arrivare, notizia degli ultimi giorni, al turno del consigliere Crugnola uscito da Varese 2.0 per approdare chissà dove.
Era risaputo ed evidente, per tutti coloro che prendono parte alle commissioni, che il consigliere Crugnola non fosse sempre in linea con il vicesindaco Zanzi, nonché leader del gruppo civico che nel giugno 2016 permise l’elezione di Crugnola. Effettivamente qualche mese fa, Crugnola lasciò il ruolo di capogruppo, in favore di Elena Baratelli, collega di gruppo e moglie di Daniele Zanzi.
Personalmente, però, mai avrei pensato che il consigliere sarebbe uscito dal gruppo, soprattutto a fronte dei tanti sacrifici, anche morali, a cui Valerio Crugnola aveva acconsentito su richiesta del leader Zanzi  in nome della poltrona di vicesindaco: tra tutte, l’elezione a Presidente del Consiglio di Stefano Malerba, appartenente, secondo lo stesso Crugnola a un “inquietante entourage”. Per gli stessi motivi, mai mi sarei aspettata che il fu membro di Varese 2.0 potesse anche solo pensare di approdare nell’altra, fallimentare, lista civica della maggioranza, nonché lista sotto la diretta egida del Sindaco.
In questo Daniele Zanzi mi trova d’accordo: non sono né un’amante né una sostenitrice dei cambi di casacca, sono da sempre fermamente convinta dell’importanza del voto e della volontà dei cittadini e pertanto non ritengo giusto che la rappresentatività di un gruppo debba andare a discapito di scelte personali non coerenti con la linea di partenza.
D’altra parte però, non posso fare a meno di notare quanto le parole del Vicesindaco pesino come macigni politici: il sol fatto che Daniele Zanzi possa pensare che il passaggio di Crugnola sia un “atto ostile da parte della maggioranza nei confronti di Varese 2.0” fa intendere che lo stesso vicesindaco, membro della giunta, si senta in realtà entità ben distinta e separata dalla maggioranza malimbertiana.
Alla luce di tutto ciò non posso che sottolineare quanto la vittoria del Sindaco Galimberti, che sarebbe dovuta essere la vittoria dei civici, sia, in realtà, la loro più grande sconfitta. Il motivo credo sia da ricercare nel fatto che nelle cosiddette liste civiche siano stati inseriti personaggi con derivazioni politiche agli antipodi, proprio come Valerio Crugnola e Daniele Zanzi, basandosi su conoscenze personali, ancor prima che su un programma elettorale.
Tutto ciò porta a una mancanza molto rilevante: non saper fare squadra, concetto insito, invece, nell’essenza stessa dei partiti politici. Questo, ahimè, è proprio quello che succede quando la poltrona conta più degli ideali, peccato che il tutto avvenga a discapito dei cittadini.
Che tristezza!”.
Carlotta Calemme
Consigliere comunale Forza Italia

18 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Varese, Calemme (FI): qualche pensiero in vista del compleanno della giunta Galimberti

  1. Daniele Zanzi il 18 maggio 2018, ore 17:24

    Sarebbe bene che la sig.na Calemme si astenesse dal tranciare giudizi su fatti e soprattutto storie personali che non conosce. Il rispetto di una vita vissuta, professionalmente e civicamente , che forse la Calemme non conosce , dovrebbe indurla a cucirsi la bocca.
    Talvolta la giovane età porta ad un irruenza fuori luogo.
    Le posizioni politiche ” agli antipodi ” di cui si menziona poco hanno a che fare con questa vicenda che ha ragioni solo su comportamenti ed atteggiamenti.
    E pertanto è inutiile fare dietrologie o inventarsi fatti e atteggiamenti che non esistono.
    Di lezioni su ideali penso di non avere nulla da apprendere dalla suddetta.
    Che tristezza talvolta sentirela parlare ed intervenire a sproposito in Consiglio comunale !!

  2. Mattia Colombo il 19 maggio 2018, ore 19:56

    Caro Zanzi abbiamo ancora bisogno di uno spirito civico che si è affievolito, se mai ci fosse stato. Io sono sempre a disposizione per favorire alcune iniziative comuni.

  3. VM il 20 maggio 2018, ore 22:36

    Game, set, match, caro Daniele.

    Alla Calemme suggerisco caldamente di trovarsi un nuovo ghost writer, ché quello attualmente in carica ha palesemente esaurito le idee.

Rispondi

 
 
kaiser jobs