Varese

Varese, Ubuntu, umanità in cammino, sabato di arte e cultura targato Ballafon

La presentazione della manifestazione di Ballafon

La presentazione della manifestazione di Ballafon

Alla presenza dell’assessore ai Servizi sociali del Comune, Roberto Molinari, è stata presentata questa mattina a Palazzo Estense una interessante iniziativa promossa dalla Cooperativa sociale Ballafon con il patrocinio dell’Amministrrazione comunale. “Ubuntu: l’Umanità in cammino. Il viaggio dell’io al Noi” è l’iniziativa che si svolgerà sabato 19 maggio in diverse location del centro cittadino.

A presentare la manifestazione che ha come obiettivo quello dell’integrazione attraverso l’arte e la cultura erano presenti in Comune il presidente della Ballafon Seydou Konaté, il direttore per l’integrazione di Ballafon Thierry Dieng, Veronique Perrard-Monzini e Samantha Caccamo, responsabile relazioni esterne di Ballafon.

Tante le proposte che avranno il loro cuore in piazza San Vittore, dove alle 11 sarà presentato il progetto Ubuntu, mentre dalle 14 alle 18 presso il gazebo Ballafon ci saranno nella stessa piazza arte e musica.

Sul fronte dell’arte, dalle 15 alle 17 si svolgerà l’iniziativa “Guardiamoci in faccia”, performance art che si ispira ai lavori di Marina Abramovic: i passanti saranno invitati a sedersi su una sedia davanti ad un migrante senza parlare per qualche minuto. Al termine ci sarà un quaderno dove annotare i propri pensieri, ma potranno anche esserci una chiacchierata, un abbraccio.

Dalle 15 alle 18, sempre in piazza San Vittore, ci sarà un atelier di pittura per bambini, in collaborazione con l’Unicef. Una mostra di sagome in legno dipinte dagli stessi migranti sarà in piazza XX Settembre, in piazza San Vittore e in piazza Monte Grappa.

Infine, al Teatro Santuccio, sarà rappresentato lo spettacolo “Siamo tutti sulla stessa barca” (inizio alle ore 21) una performance artistica e musicale dei migranti per raccontare la loro esperienza di viaggio, spesso traumatico, dal loro paese d’origine all’Italia.

15 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs