Varese

Varese, Boldetti (Lista Orrigoni): meglio pensare al quotidiano che ai grandi eventi

sicurezzastradale_logoDati i recenti avvenimenti ritengo necessario intervenire nuovamente sul tema della sicurezza stradale. Anzitutto rivolgo un pensiero alle due ragazzine coinvolte, augurando una pronta ripresa, e alle loro famiglie, oltre che ai compagni di scuola e ai loro educatori.

Il tema della sicurezza stradale mi è molto caro e mi ha visto impegnato sin dai primi mesi della nuova consiliatura, come testimonia una mozione approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale il 29 novembre 2016. In questo documento richiedevo alcuni interventi nell’ambito della sicurezza stradale, come la chiusura al traffico di via Conte Verde, dove è situata la scuola elementare di Bizzozero, negli orari di entrata e uscita dei bambini. Inoltre, suggerivo all’Amministrazione di organizzare incontri con le associazioni che si occupano della strada e del traffico veicolare, a cominciare dalle Autoscuole situate sul territorio comunale.

Mentre la prima proposta, ahimè, non ha ancora avuto riscontro pratico, fa piacere constatare come il Sindaco Galimberti decida, oggi, di mettere in atto qualcosa che il Consiglio Comunale aveva deliberato già un anno e mezzo fa. Purtroppo non siamo nuovi a queste sordità da parte di alcuni esponenti della Giunta nei confronti dell’organo consiliare, e temo che i “glielo avevo detto” possano aumentare nei prossimi mesi, da parte delle opposizioni ma anche degli esponenti di maggioranza. Tuttavia, rimaniamo nella speranza che, prima o poi, la Giunta cominci ad ascoltare coloro che sono stati eletti dai cittadini.

Tornando alla sicurezza stradale, però, ritengo necessario un intervento serio, a cominciare da una diffusione capillare degli attraversamenti pedonali protetti e ben illuminati, come quello in viale dei Mille, che costringono gli automobilisti a rallentare e concedono un salvagente per i pedoni tra le due corsie. Inoltre, sarebbe cosa buona ripristinare i “volontari anziani” davanti alle scuole, presidi importanti anche in virtù della impossibilità da parte della polizia locale di garantire ovunque la propria presenza.

Invece di spendere oltre 20.000€ l’anno per il noleggio dei VeloOk oppure 40.000€ per un piano della comunicazione di un ente pubblico (bisogna ammettere, però, che sono bravi: fanno passare come un’opera grandiosa la costruzione di un marciapiede in una viuzza dove già c’è un passaggio pedonale sotto un porticato!), o ancora migliaia di euro per fare pubblicità ingannevole sulla facciata della caserma Garibaldi (“Varese è ripartita”, quando?) e per un festival di dieci giorni, questi soldi sarebbe stato meglio spenderli per sistemare asfalto, marciapiedi e illuminazione delle nostre strade!

Un buon amministratore pensa prima all’ordinario e poi ai grandi eventi, manifestazioni e opere. Spiace constatare come a Varese, invece, accada il contrario, a svantaggio di molti cittadini e molte famiglie che vengono quotidianamente penalizzate dalle scelte strategiche di questa Giunta.

Luca Boldetti

Consigliere comunale, lista Orrigoni

12 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs