Varese

Varese, “Play to Play”, allo Spazio Yak in scena l’altra faccia dello sport

L'assessore Strazzi e Beghi di Karakorum

L’assessore Strazzi e Beghi di Karakorum

Termina con nove giorni di proposte, spettacoli e cinema, l’anno di programmazione della Piramide di piazza De Salvo nel popolare quartiere delle Bustecche di Varese, che è stato ribattezzato Spazio Yak.

Parliamo della prima edizione dello Yak Festival, da sabato 12 maggio a domenica 20 maggio realizzato dal Karakorum Teatro, la compagnia residenziale che gestisce lo spazio, e che proporrà a residenti del quartiere, varesini e a chiunque altro amante dello spettacolo dal vivo e del cinema, un cartellone dal titolo “Play to Play – Festival dello Sport”, tanti appuntamenti alla Piramide delle Bustecche, in collaborazione con il Comune di Varese e con il sostegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto.

A lanciare il festival è Stefano Beghi, “anima” del Karakorum Teatro. “Un festival tematico, fatto in collaborazione con Filmstudio 90, che intende illustrare l’altro lato dello sport, le persone, le storie che stanno dietro grandi successi e piccole avventure”. Un evento che arriva dopo una stagione teatrale fortunata: “Su dieci serate – dice Beghi – otto sold out”. Ma soprattutto un rapporto con il quartiere che si rafforza e si consolida. Ora, con il Festival dello sport (“una scelta obbligata, considerata la vocazione sportiva della città”, chiosa Beghi), un altro passo avanti per una realtà inedita e interessante: essendo una residenza teatrale, Karakorum Teatro tiene il quartiere come propria base e propone un lavoro teatrale che ha radici sul territorio.

Diverse le proposte del festival allo Spazio Yak (tutti i biglietti hanno un prezzo super-politico, 3 euro): si parte con Open Agassi il 12 maggio, lo spettacolo dedicato a Gino Bartali il 13, un laboratorio teatrale il 15, il documentario “La via del ring” il 16, il film “Mira” il 17, un incontro con Marina Sperafico su Jacques Lecoq e il documentario “L’equilibrio del cucchiaino” il 18, lo spettacolo “Combattenti” di Teatro Periferico i 19. Chiusura il 20 con uno spettacolo circense a cura di Spazio Kabum.

Conclude il bravo assessore ai Rioni Francesca Strazzi: “Con queste iniziative  il quartiere ha assunto una programmazione culturale prima sconosciuta – dice la Strazzi -. Lo Spazio Yak ha proprio la finalità di fare rivivere il quartiere, ma si rivela importante per l’intera città”. Ma l’assessore tiene anche a sottolineare che dietro questo importante cambiamento legato a Karakorum Teatro c’è “un’impresa culturale under 35″, che sta portando avanti un’esperienza esemplare, che in futuro potrebbe essere “esportata” anche in altri rioni e quartieri di Varese.

 

 

7 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs