Varese

Varese, San Vittore, riti, eventi, concerti della festa patronale

La Basilica di San Vittore

La Basilica di San Vittore

Varese celebra la festa San Vittore con riti, concerti ed eventi collaterali, dal 5 all’8 maggio 2018 nella Basilica e nella piazza dedicate al martire soldato.

Da sabato a martedì si susseguiranno celebrazioni, momenti musicali ed eventi, dentro e fuori la basilica dedicata al martire soldato. La solennità del patrono, con valenza religiosa e civica, radunerà i fedeli concentrando l’attenzione sulla figura di san Vittore.

«È l’occasione per rinnovare l’impegno della Comunità Cristiana – dice monsignor Luigi Panighetti, prevosto di Varese – verso la crescita umana e spirituale della nostra Città. Varese ha bisogno dell’apporto di tutti e i cristiani non vogliono sottrarsi a questo compito».

La patronale è un’opportunità d’aggregazione e di celebrazione di ricorrenze sacre e profane in cui la comunità rivive emozioni, sentimenti religiosi, stati d’animo di riflessione verso eventi che appartengono alla sua storia.

In onore del patrono sarà riproposto il Rito del faro, un pallone di bambagia acceso dal celebrante durante le messe più solenni, un’antica tradizione che allude al sacrificio della vita da parte del martire la cui diffusa devozione popolare nella diocesi ambrosiana, è sottolineata dalla presenza di decine di chiese a lui dedicate: due solo nel centro di Varese.

CELEBRAZIONI

6 maggio – Festa Popolare

L’antico «Rito del Faro», nella Basilica di San Vittore, aprirà la santa Messa solenne delle 11.30, presieduta dal Prevosto, monsignor Luigi Panighetti, alla presenza delle autorità civili e militari della città.

Le Celebrazioni eucaristiche domenicali in basilicaseguiranno l’orario festivo alle 8.30; 10 e 17.30, mentre la s. Messa delle 21 sarà celebrata nella chiesa di Sant’Antonio abate alla Motta.

 

8 maggio – Festa Liturgica 

La giornata che la Chiesa dedica alla memoria del santo inizierà, sempre nella basilica di San Vittore, alle 8.30 con le lodi seguite dalla s. Messa.

Alle 10, invece, la celebrazione Solenne sarà aperta dal Rito del Faro», alla presenza dei parroci della città, dei sacerdoti originari e che hanno svolto il proprio ministero in Basilica.

La s. Messa conclusiva sarà alle 18.30.

 

INIZIATIVE COLLATERALI

5 maggio

Piazza San Vittore ospiterà alle 20.00 la Cena Solidale il cui ricavato sosterrà  la raccolta fondi per la distribuzione di alimenti e per altri progetti di solidarietà.

6 maggio – Festa Popolare

Alle 6.30 dal Sacro Monte partirà la Fiaccolata per le vie della Città (organizzata dalla associazione Famiglia Bosina per abbracciare tutte le realtà sociali di Varese)

Alle 16.30, la Basilica di san Vittore ospiterà il Vespro d’Organo, organista Federico Ragionieri, musiche di M. E. Bossi, C. Franck, J. Alain, L. Vierne

 

8 maggio – Festa Liturgica 

Il Coro S. Maria del Monte e l’Orchestra Sacro Monte, daranno vita, alle 21, al Concerto di san Vittore con musiche di W. A. Mozart.

 

LA STORIA

Chi era Vittore? Era un soldato, nato in Mauritania – nord  Africa -,  che si arruolò nelle milizie romane e prestò servizio a Milano. Nell’anno 303, durante la persecuzione di Massimiano, con altri due soldati, Nabore e Felice, abbandonò la vita militare per non tradire la propria fede. Venne arrestato, torturato e condannato dal tribunale alla pena capitale.

Nonostante la fuga, venne catturato e decapitato. Cessata la persecuzione, le spoglie furono riportate a Milano e deposte in un nobile sepolcro. Primo e qualificato testimone della devozione a San Vittore è il nostro padre Ambrogio, che lo ha celebrato nei suoi inni e volle deporre accanto al sepolcro del martire il corpo del suo amatissimo fratello Satiro. (Tratto dalla Liturgia Ambrosiana delle Ore III Volume).

 

3 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs