Varese

Varese, “Residenze in Musica 2018″, sette concerti nelle Rsa della provincia

Gli organizzatori della manifestazione alla sede della Focova

Gli organizzatori della manifestazione alla sede della Focova

Saranno sette le lezioni-concerto che si terranno in altrettante Rsa della nostra provincia nell’ambito del cartellone di “Residenze in Musica 2018″, una bella manifestazione giunta alla sua quarta edizione. Un’iniziativa presentata presso la sede varesina della Fondazione Comunitaria del Varesotto, alla presenza del direttore Carlo Massironi.

Si parte sabato 5 maggio alle ore 16.30 presso la Fondazione Ronzoni di Besozzo con Emanuele Cedrone alla melodiosa e Livia Rigano, che è anche direttore artistico dell’intera iniziativa, al pianoforte. Successivamente i concerti si terranno presso la Fondazione Longhi-Pianezza a Casalzuigno, la Fondazione Poretti Magnani di Vedano Olona, la Fondazione La Provvidenza di Busto Arsizio, La Residenza di Malnate.

Un cartellone ricco di appuntamenti, con artisti e musica che saranno proposti agli anziani ospiti di queste strutture d’eccellenza. Come spiega il maestro Livia Rigano, “sono appuntamenti aperti a tutta la cittadinanza, un’opportunità per conoscere le Rsa che si prendono a cuore i nostri anziani”. Continua la Rigano: “Al termine del concerto i protagonisti si fermeranno a dialogare con gli ospiti. Concerti che si basano sul pianoforte, ma anche aperto a strumenti inusuali”. In programma non solo musica classica, ma anche colonne sonore e omaggi a grandi cantautori come Fabrizio De Andrè e Luigi Tenco.

“Introdurre la musica in istituti dove la sofferenza è giornaliera – dice il dottor Ambrogio Gobbi (presidente de La Provvidenza di Busto Arsizio) -, ritengo sia di un’utilità immensa, considerato che la solitudine è la sofferenza maggiore”.

“Una bella iniziativa – interviene Anna Maria Binda, presidente della Fondazione Giuseppe e Giuliana Ronzoni di Besozzo -, che consente di aprire queste dimore all’esterno, in modo che non diventino dei ghetti. Un fatto fondamentale per gli ospiti”. Le fa eco Silvia Sartorio, dinamica assessora alla Cultura di Besozzo: “Un’iniziativa che dà voce alla nostra provincia, un modo per richiamare pubblico in luoghi belli, coinvolgendo anche chi arriva dal capoluogo”.

L’assessore alla Cultura, Identità e Commercio di Busto Arsizio,  Manuela Maffioli, centra il tema: “Stiamo parlando della musica al servizio del sociale. Un fatto importante, che accade in gioielli come la nostra Provvidenza. E ci auguriamo che si prosegua dando continuità a queste occasioni culturali preziose”. Interviene anche l’assessore all’Inclusione Sociale di Busto, Miriam Arabini, che sottolinea che “gli ospiti delle Rsa non vanno ghettizzati, e questo si può fare grazie ad un’offerta musicale di qualità”.

 

 

 

 

 

òò

 

3 maggio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs