Varese

Varese, Il filosofo Diego Fusaro all’Insubria sull’identità dell’Occidente

Diego Fusaro

Diego Fusaro

“L’ordine dominante non reprime, oggi, il dissenso. Ma opera affinché esso non si costituisca. Fa in modo che il pluralismo del villaggio globale si risolva in un monologo di massa. Perciò dissentire significa opporsi al consenso imperante, per ridare vita alla possibilità di pensare ed essere altrimenti”.

Queste le parole con le quali il Professor Diego Fusaro introduce il suo ultimo libro, “Pensare altrimenti”. Pensatore scomodo, filosofo che in questa nostra epoca di decadenza, in cui il buonismo e il politicamente corretto sono diventati una “gabbia” che, nel migliore dei casi, ci obbliga a pensare secondo schemi preordinati, se non addirittura a non pensare.

Il professor Diego Fusaro, docente di Filosofia presso lo IASSP di Milano e saggista, sarà ospite mercoledì 18 aprile, alle ore 18.00, all’Università degli Studi dell’Insubria, nella sede del Dipartimento di Economia in via Monte Generoso, per l’incontro “L’identità dell’Occidente nell’epoca della globalizzazione”.

“In questo primo incontro affronteremo due temi particolarmente attuali: Identità e Globalizzazione. Che rapporto lega queste due realtà? Possono coesistere, oppure una deve prevalere sull’altra?” spiega il gruppo Studenti Insubri, realtà studentesca dell’Ateneo, che ha organizzato l’incontro. La partecipazione è libera e gratuita.

16 aprile 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Il filosofo Diego Fusaro all’Insubria sull’identità dell’Occidente

  1. Viola il 16 aprile 2018, ore 13:17

    Incerto se “pensatore scomodo” sia la definizione calzante di costui… io propenderei per “supercazzolaro agonistico”

Rispondi