Varese

Varese, Amarcord il Sacro Monte, video interviste a testimoni del tempo che fu

Sacro Monte nel 1934

Sacro Monte nel 1934

Anziani protagonisti al Sacro Monte è un’azione di coinvolgimento e protagonismo culturale, finanziata da Fondazione Cariplo all’interno del più ampio progetto per la realizzazione di un centro di interpretazione e l’avvio di volontariato culturale per il Sacro Monte di Varese.

Appaiono coinvolti in partnership anche la Fondazione Paolo VI, il Cesvov – Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese, il Comune di Varese e il Parco del Campo dei Fiori.

Obiettivo di questo più ampio progetto è quello di favorire la fruizione culturale e la conoscenza del patrimonio di Sacro Monte, attraverso mirate iniziative di protagonismo culturale, autonome o complementari tra loro, tese a realizzare l’incremento e la qualificazione del pubblico.

A tal proposito nel corso dell’anno 2017 abbiamo coinvolto nell’azione di valorizzazione del patrimonio del Sacro Monte proprio gli anziani “del posto”, raccogliendo in vere e proprie video-interviste le loro testimonianze, racconti unici ed inediti legati al passato del Sacro Monte di Varese, con la finalità di preservare la memoria e i ricordi di chi ha vissuto un Sacro Monte diverso dal nostro.

Ora, a conclusione del progetto, si desidera presentare le video interviste realizzate. È stato pertanto organizzato, presso due realtà museali del Sacro Monte di Varese, un ciclo di tre incontri dal titolo “Sacro Monte d’altri tempi”.

I tre appuntamenti in programma saranno proprio l’occasione per mostrare i sette video di coloro che hanno vissuto il Sacro Monte da protagonisti e che in quanto tali ce l’hanno voluto raccontare ognuno a proprio modo attraverso ricordi personali e aneddoti: gli anziani che ancora vivono al Sacro Monte, i villeggianti che da giovani passavano qui le loro estati e gli studiosi che hanno contribuito a riscoprirne e preservarne il patrimonio culturale.

Una raccolta di video, presentazioni fotografiche, storie e testimonianze per raccontare com’era il Sacro Monte di Varese cinquanta e sessanta anni fa, consegnando alle generazioni di oggi un’immagine di altri tempi, quella di un luogo da sempre incantevole, ricco di storia e meta amata da generazioni e generazioni di persone.

Inoltre, grazie alla collaborazione con il Centro di Ricerca Storie Locali e Diversità Culturali dell’Università degli Studi dell’Insubria, nelle due settimane dal 8 al 22 aprile – durante l’apertura ordinaria delle realtà museali del Sacro Monte – presso la sala conferenze del Centro Espositivo Mons. Pasquale Macchi e l’atelier della Casa Museo Lodovico Pogliaghi scorreranno presentazioni di immagini fotografiche storiche relative al Sacro Monte e provenienti dal fondo “Vivi Papi”, fornite dal Centro Studi stesso.

I tre incontri si terranno per tre domeniche consecutive – l’8, il 15 e il 22 aprile – nel pomeriggio a partire dalle ore 15.00 e saranno arricchiti da conferenze d’approfondimento e eventi particolari.

Ecco il programma dettagliato del ciclo:

Primo appuntamento

Domenica 8 aprile, ore 15.00

Presso il Centro Espositivo Mons. Pasquale Macchi alla prima cappella

IL TURISMO A SACRO MONTE NEGLI ANNI CINQUANTA

Un’occasione inedita per scoprire con immagini, fotografie, video e racconti degli “Anziani protagonisti” quanto Sacro Monte fosse apprezzato dai turisti agli inizi del Novecento.

L’incontro si aprirà con la presentazione, proseguendo poi con la conferenza dal titolo “Saluti dalla provincia dei sette laghi. Il turismo nel Varesotto degli anni Cinquanta”, tenuta dalla Dott.ssa Claudia Biraghi dell’Università degli Studi dell’Insubria – International Research Center for Local Histories and Cultural Diversities.

Ingresso libero e gratuito

Secondo appuntamento

Domenica 15 aprile, ore 15.00

Presso il Centro Espositivo Mons. Pasquale Macchi alla prima cappella

SACRO MONTE: UNA MONTAGNA DA VIVERE

Incontro speciale per conoscere come si viveva un tempo a Sacro Monte, quali erano le attività che gli abitanti svolgevano, chi si incontrava e come si arrivava al Santuario e al borgo.

In apertura d’incontro verranno presentati i video degli “Anziani protagonisti” e a seguire la Dott.ssa Sara Fontana dell’Università degli Studi dell’Insubria – International Research Center for Local Histories and Cultural Diversities terrà la conferenza dal titolo “Il primo corso di alpinismo al Campo dei Fiori e il Sacro Monte nei ricordi di Angiolino Bianchi”.

Ingresso libero e gratuito

Terzo appuntamento

Domenica 22 aprile, ore 15.00

Presso la Casa Museo Lodovico Pogliaghi

VISIONI D’ALTRI TEMPI SU CASA POGLIAGHI

La Casa Museo Pogliaghi da residenza privata a collezione aperta al pubblico: la storia di questo eclettico ed affascinante museo raccontata da chi l’ha vissuta in prima persona.

L’incontro prevedrà la presentazione dei video e l’eccezionale possibilità di ammirare le lastre fotografiche della collezione Pogliaghi attraverso i visori originari.

Costo pari al biglietto d’ingresso: 5 € intero, 3 € ridotto

Per informazioni: 366 4774873 – 328 8377206 – info@sacromontedivarese.it

4 aprile 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs