Varese

Varese, Pranzo di Pasqua per le famiglie in difficoltà alla Casa della Carità

La sala in cui si svolgerà il pranzo di Pasqua

La sala in cui si svolgerà il pranzo di Pasqua

“Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi” recita il famoso proverbio ed i volontari dell’Associazione Pane di Sant’Antonio hanno deciso di passarla con i poveri e gli emarginati che essi assistono ogni giorno presso la Casa della Carità di Varese dove ha sede la storica Mensa del quartiere Brunella.

Venticinquemila pasti in un anno sono questi i numeri su cui “viaggia” questa struttura che, oltre alla Mensa, comprende il servizio di Igiene personale (docce), l’Emporio solidale per le famiglie in difficoltà ed il Guardaroba per i cambi d’abito: tutti servizi erogati in forma completamente gratuita a chi vive in situazione di grave bisogno come senza tetto, emarginati, anziani soli, disoccupati da lungo periodo e famiglie sulla soglia della povertà.

“Qui – dicono i volontari – il valore delle persone non si misura dal reddito ma si riconosce che esse hanno valore per quello che sono, con il loro limiti e le loro fatiche, è per questo che siamo contenti di passare la Pasqua stando vicino a chi ha più bisogno”

Alla Mensa il pranzo di Pasqua sarà semplice ma adeguato alla giornata di festa, il menù che è già stato predisposto, prevede un buon piatto di pasta, spiedini di carne e patate al forno e non mancheranno la tradizionale Colomba e l’uovo di Pasqua e magari anche qualche bibita analcolica ma il programma potrà variare perché qui si cucina con ciò che ogni giorno viene donato da privati, aziende, negozi e supermercati.

In queste settimane anche all’Emporio, che permette alle famiglie in “crisi” di poter fare la spesa gratuitamente per rimanere a galla e poi ritornare all’autonomia, si guarda con speranza alla possibilità di poter aggiungere alla spesa di generi di prima necessità anche un dolce per i bambini che, spesso ignari delle difficoltà economiche, seguono la mamma che fa la spesa nel “negozietto” di via Marzorati.

Tutto quanto viene fatto presso la Casa della Carità in aiuto ai poveri si può realizzare esclusivamente grazie alla generosità di chi dona perché, per agire “con i fatti” contro la povertà e per favorire l’inclusione, c’è bisogno della collaborazione di tutti, così che i volontari possano, attraverso le loro mani ed il loro lavoro, diffondere la solidarietà di tutti noi varesini.

Da quest’anno le donazioni a Pane di Sant’Antonio, che sono fiscalmente deducibili secondo la normativa vigente, si possono fare anche on line sul sito dell’Associazione.

27 marzo 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs