Ganna

Ganna, Parolefoglie, parole e note per lanciare il progetto La via del faggio

badiaContinuano le iniziative che il Parco Campo dei Fiori mette in atto in seguito all’incendio che lo ha ferito. Il pericolo che ha corso il patrimonio boschivo del Parco ha innescato la volontà di iniziare un percorso di riflessione e di progettualità non solo in chiave naturalistica e ambientale ma anche di benessere per la cittadinanza.

Nella campagna di sensibilizzazione e conoscenza a 360° e nello spirito che ha lanciato l’ hashtag #campodeifiorisiamonoi si colloca quindi l’iniziativa PAROLEFOGLIE che si terrà DOMENICA 18 MARZO alle ore 16.30 presso la Badia di San Gemolo a Ganna.

Gli amici della Badia hanno aperto le porte di questo bellissimo complesso de  XII  secolo al pubblico per incontrare parole, musica e immagini al fine di  ricondurci alla riflessione di come  gli alberi siano un bene prezioso per tutta la comunità per molteplici aspetti.

Attraverso le letture di MARITA VIOLA, liberamente ispirate a testi e poesie di diversi autori, pietre miliari della letteratura, come Herman Hesse e Rigoni Stern si intraprenderà questo viaggio di conoscenza e coscienza.

ERMANNO LIBRASI accompagnerà questo incontro tra parole e natura con le sue musiche originali eseguite con componenti elettroniche e strumenti etnici che sono costruiti con il legno : il duduk armeno e il kaval ungherese.

Gli alberi,la loro energia e i paesaggi del Parco del campo dei Fiori  prenderanno forma nelle immagini video di PINO FARÈ .

Durante lo spettacolo verrà presentato  il progetto LAVIADELFAGGIO con l’ausilio del Direttore dell’Ente PARCO  Dott. Agr. GIANCARLO BERNASCONI e l’esperto Dott. Agr. DANIELE ZANZI.

Questo progetto ha la sua  genesi dall’incontro di RAFFAELLA ORSENIGO  con il Campo dei Fiori. Nei  giorni in cui l’incendio imperversava, Raffaella ha perso Andrea che amava profondamente il Parco e gli Alberi,   ed era sconvolto per quanto stava accadendo. Oggi è rimasta a Raffaella e agli amici di Andrea una eredità di energia positiva e di voglia di fare che si è incontrata con le medesime esigenze dell’Ente, con lo sguardo  Andrea amava il faggio e il caso, il vento e il fuoco hanno risparmiato proprio le faggete del Campo dei Fiori.

Questa la genesi di un incontro tra persone e l’inizio di un percorso : del resto proprio il faggio è simbolo della consapevolezza del sé e l’unione armonica di energia.

Il Progetto presentato avrà visibilità ed potrà essere seguito nel suo compimento tramite un sito dedicato, a breve disponibile attraverso i consueti canali comunicativi ( sito, facebook e new letter del Parco).

13 marzo 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs