Varese

Politica, Patto dei Comuni, 14 primi cittadini (tra cui Galimberti) per le pari opportunità

mimosa

Un 8 marzo all’insegna della parità e contro la violenza di genere. Nella Giornata internazionale della Donna, che si celebra oggi in Italia e nel mondo, quattordici grandi comuni italiani, tra cui Varese, sottoscrivono e lanciano un patto con 11 punti programmatici, frutto di un lavoro condiviso, per progettare e sostenere misure concrete di promozione delle pari opportunità.

Al centro del Patto dei Comuni (#pattodeicomuni #8Marzo) il sostegno all’emancipazione femminile e la costruzione di una società più equa che offra a tutte le persone, indipendentemente dal genere, di sviluppare talenti e potenzialità in egual misura, lontano dai pregiudizi e dagli stereotipi di genere.

Il Patto è stato presentato oggi a Milano nell’ambito di “Tempo di Libri”, la Fiera internazionale dell’editoria in corso a Milano, che ha dedicato la giornata alle donne. Per Varese erano presenti il sindaco Davide Galimberti e l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Varese, Rossella Dimaggio.

“Il Comune di Varese ha aderito al Patto dei Comuni per la parità e contro la violenza di genere nella convinzione che in una città in cui si pongono al centro pari opportunità di crescita, realizzazione personale, sociale e supporto nella conciliazione lavoro famiglia, sia un luogo migliore dove vivere, lavorare e crescere i propri figli – ha detto il sindaco Davide Galimberti – Ancora troppo spesso si sente tragicamente parlare di violenza contro le donne, il primo antidoto consiste nel promuovere misure concrete a sostegno di percorsi di parità di genere, della valorizzazione delle differenze e di una cultura condivisa contro gli stereotipi”.

“Per Varese è una giornata molto importante – ha aggiunto l’assessore Rossella Dimaggio – perché aderiamo ad una rete di comuni che si impegneranno concretamente sui temi della parità e della prevenzione e della lotta alla violenza di genere. Le istituzioni più vicine alle cittadine e ai cittadini possono fare molto e oggi, 8 marzo, giornata delle donne, affermiamo ancora una volta che il Comune di Varese c’è, sia attraverso una grande sinergia con altri comuni sia qui sul territorio con le politiche che mettiamo in campo ogni giorno anche grazie alla rete antiviolenza formata da oltre 100 comuni di cui Varese è capofila”.

Insieme a Varese, hanno aderito al Patto 12 città metropolitane: Milano, Torino, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio Calabria, Messina, Palermo, Catania e Cagliari, e la città di Padova.

Negli 11 punti del Patto i comuni si impegnano a progettare politiche pubbliche che riducano la disparità e assicurino il rispetto delle differenze; a sensibilizzare i più giovani e le più giovani contro la diffusione di stereotipi di genere e per favorire relazione paritarie; a contribuire a una reale parità di genere che consenta alle donne la piena partecipazione al mercato del lavoro, alla politica e alle istituzioni; a promuovere percorsi di formazione e sensibilizzazione sulle politiche di pari opportunità; a sostenere le persone nella conciliazione di lavoro e famiglia; a fare rete tra istituzioni; a promuovere, favorire e sostenere i Centri Antiviolenza e le Case Rifugio; a promuovere, favorire e sostenere il coinvolgimento degli uomini in campagne di comunicazione, convegni, formazione e manifestazioni culturali; a impegnarsi ad attuare politiche lavorative a favore delle donne; a definire azioni per la parità contro la violenza di genere nell’ambito della programmazione dell’amministrazione e restituire annualmente alla cittadinanza quanto promosso.

8 marzo 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs