Porto Ceresio

Porto Ceresio, Jenny Santi e Clara Gallazzi invitano Gori. Ma lui non arriva

Jenny Santi e Clara Gallazzi

Jenny Santi e Clara Gallazzi

L’appuntamento era per questa mattina, martedì 27 febbraio: alle 11 al bar della piazza di Porto Ceresio. Ed era stata Jenny Santi, sindaco del comune in riva al lago e candidata alle regionali con la lista civica Fontana Presidente, a invitare il candidato del PD Giorgio Gori che nei giorni scorsi si era dimostrato un po’ impreparato sul tema dei frontalieri.

Gori era stato invitato proprio per offrirgli la possibilità di conoscere meglio un tema così importante: purtroppo, il suo posto è rimasto vuoto (impossibile – ha fatto sapere la sua segreteria – trovare spazio in agenda). L’incontro c’è stato comunque: ad affiancare Jenny Santi c’era Clara Gallazzi, un’altra delle donne candidate con la lista civica Fontana Presidente. E si è parlato di frontalieri, lanciando idee e facendo proposte, insieme al responsabile dell’Associazione Frontalieri Ticino Eros Sebastiani.

“Negli ultimi cinque anni – ha detto Clara Gallazzi – si sono spostate in Svizzera più di quattromila aziende: troppe, un dato allarmante. Serve l’istituzione di un incentivo importante, come le Zes: zone economiche speciali nelle fasce di confine che garantiscano agevolazioni fiscali per le imprese”. “Rivolgo – ha concluso Jenny Santi – un appello ai candidati: chiunque dovesse vincere, non dovrà dimenticare di dialogare con il territorio e di confrontarsi con la gente. Solo così, solo con l’ascolto e la conoscenza di ogni singola esigenza, possono esserci le condizioni per risolvere davvero i problemi”.

27 febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs