Varese

Varese, Reddito di inclusione, 284 domande giunte in Comune

poveriSono 284 le domande ricevute dal Comune di Varese riguardanti il REI (Reddito di inclusione) dal momento dell’attivazione della manovra rivolta alle famiglie e persone in difficoltà. Si tratta di azioni messe in campo dal Governo Gentiloni per il sostegno al reddito e di contrasto alla povertà che stanno consentendo di attivare percorsi non solo di “aiuto” economico diretto ma anche la realizzazione di un progetto individualizzato per realizzare percorsi di formazione e inserimento lavorativo.

Delle domande ricevute e inviate all’INPS, per 50 di queste è già in arrivo la carta prepagata che consentirà alle persone in difficoltà di accedere al contributo economico.

Tra le domande arrivate al Comune di Varese 183 sono situazioni con la presenza di almeno un minore, 14 con una persona disabile e 66 domande che riguardano cittadini di oltre 55 anni in stato di disoccupazione.

“Quella attivata dal Governo Gentiloni è una forma di intervento molto importante ma soprattutto concreta – dichiara l’assessore ai Servizi sociali Roberto Molinari – perché riusciamo a far emergere un numero consistente di italiani che si rivolgono per la prima volta ai Servizi sociali consentendoci di rendere più puntuale e incisiva l’azione di sostegno nei confronti di chi si trova, anche solo momentaneamente, in difficoltà. ù

Questo anche grazie alla scelta del Governo di alzare il requisito del reddito ISEE a 6000 euro per chi fa domanda per il REI che ha consentito di ampliare la fascia di popolazione che può accedere al sistema di sostegno. Tra questi ad esempio ci sono persone che hanno perso il lavoro e sono in cerca di una nuova occupazione”.

26 febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs