Varese

Varese, Caffè letterario al Frattini, si parte con la scrittrice Cristina Bellon

Cristina Bellon

Cristina Bellon

Il 28 febbraio inizia il Caffè Letterario, un progetto promosso dal Liceo Artistico Frattini di Varese: una rassegna in cui gli scrittori raccontano la loro vita straordinaria e affrontano il tema dell’ultimo libro pubblicato.

L’iniziativa proposta Marilisa Sturniolo, professoressa di lettere, è stata subito accolta con entusiasmo dal dirigente scolastico, professoressa Lorella Finotti, sempre attenta a offrire agli studenti programmi multidisciplinari, che possano spaziare dal sogno alla realtà. Perché chi sogna è già a metà dell’opera.

Ad aprire il programma è una giornalista e scrittrice varesina, Cristina Bellon, che parlerà della sua vita e del romanzo “L’uomo che non sono” (Cairo editore), un noir psicologico che esplora il senso del limite, la linea d’ombra tra lecito e illecito. “Noi scrittori inventiamo romanzi che trasportano il lettore fino all’ultima pagina con l’intensità di uno tsunami” ci spiega Bellon. “Ma io ho visto il pubblico piangere solo quando si raccontava una storia vera. È per questo che voglio parlare della mia vita e delle difficoltà che ho incontrato e superato nella mia carriera. C’è molto da imparare.”

Educare, divertire e motivare i giovani alla lettura, alla scrittura e all’arte della vita. Questo lo spirito del Caffè Letterario, che si svolgerà all’interno della sala caffè del Liceo Artistico Frattini alle 9,30. Gli studenti avranno modo di ascoltare esperienze di vita e imparare stili di narrazione. Ma, soprattutto, potranno mettersi a confronto con scrittori che hanno fatto della fantasia il loro cavallo di battaglia e della cultura il progetto di un’esistenza.

Dopo l’incontro con Bellon, il prossimo ospite sarà Alessandro Barbaglia, giovane scrittore e poeta e libraio, che presenterà “La locanda dell’ultima solitudine” (Mondadori), un romanzo che parla della nostalgia del futuro. Questa storia nata da un racconto di famiglia è diventata un romanzo vero.

23 febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs