Varese

Varese, Il discorso del Re Bosino non fa sconti al sindaco Galimberti

Re Bosino insieme a Pin Girometta (a sinistra)

Re Bosino insieme a Pin Girometta (a sinistra)

Rispettando, ancora una volta, la tradizione bosina, il Carnevale  si è chiuso, dal balcone di piazza Repubblica, con il discorso, rigorosamente in dialetto, del Re Bosino, che è stato interpretato dal poeta dialettale Antonio Borgato.

Accanto a Re Bosino, una delle maschere di Varese che ogni anno presenta un cahier de doleance rivolto al sindaco, c’erano appunto il sindaco, il conduttore della fine del carnevale Pin Girometta e Luca Broggini, Regiù della Famiglia Bosina. Sul palco era presente anche Luca Paris, candidato regionale del Pd.

Questa volta il Re Bosino non è stato tenero con Galimberti, evocando temi diversi, dalla Caserma Garibaldi rimasta al palo alle strisce blu, fino al Molina.

Un discorso che riproduciamo sia nella versione bosina, che in quella italiana.

Donn e tusàn, óman e fiö, gént da Varées

di tücc i castelànz, dul céntro e di paés:

Busìtt, va salüdi! Sii vegnüü propri in tanti

dai sìit chi visìn e da quéi püssée distant(i).

L’è sèmpar ‘n gran spetàcul girà par i stràa

in mèzz a gent alégar e fiö mascuràa.

Caruzzùni, müsica, balerìn, burdèll

par mi, Re Busin, gh’è nagott da püssée bèll!

Incö a Varées, par unurà ra tradiziùn,

manca propi niènt, podi dill cun cugniziùn!

Alùra dìsi la mia, fin dal prinzìpi

e segùnd l’üsànza, di facc dul Municìpi.

L’ann passàa évi fài un cèrt paragùn

tra i manéeg dul cumün e il giügh dul balùn.

Ul Sindich l’è nai pròpi par quéla stràda:

l’ha dì: “Par vèng büsögna vess ‘n

Sa véed che da piciùra tanta n’è rivàda,

magàri tròpa, e parchè l’andàss mia trasàda

hann culuràa sia ‘l céntro che anca i castelànz;

‘na manéra mè ‘n’altra par sanà ‘l bilànz.

La cità l’è drée a cambià, quést l’è da sicüür,

ma in tücc i robb gh’hinn düü pées e dò misür:

la cültüra, ‘l türìsmu e pür l’inuvaziùn

hinn cèrt da rimarcà, ma öcc ai tradiziùn!

A prupòsit da cültüra, ma ven da dì,

hemm fai un pù da pass indré o giò da lì.

I nuvant’ann di “Bosìni Canterìni”

hann fai né cald né frécc ai “varesìni”.

Ann passàa, chì a Varées, gh’évan da pasàgg,

dur cinema e televisiun gran persunàgg.

Fìna ul “Bernascone d’argento” l’è ‘migràa:

i ‘taliani da Budapest unùr gh’hann fàa!

Finiculàar, teàtar, pustégg e staziùn,

un quaicòss l’è fai o l’è drée ‘ndà inànz da bun.

Ma intànt i negòzi püssée vécc, l’è destìn,

hinn ubligàa a tìrà giò la clèer, van a balìn!

Ul bigliétt da vìsita, per chi ‘l ven da föra,

l’è quél ca ‘l po vidé e quél che ‘l tröva:

vecc uficìn e cà da tant tèmp bandunàa

fan mia unùur ai busìtt e la sò cità.

Par mia parlà du l’inlüminaziùn di stràa,

du la sicürézza da nòcc par la cità,

che l’è sèmpar lì, cumè prima, ra caserma

(sperém che l’ann ca végn ghe sia mia ‘na cunférma).

Ul re busìn l’è feziunàa ai busìtt vécc,

ai quéi maràa che al Molina trövan técc:

gh’éva da tegnìi d’öcc l’aministraziùn,

ma fórzi l’éva mia quésta l’intenziùn.

Tra intrequéri e cuntròll püssée da ‘n’ann l’è passàa

sènza che a vüna suluziùn sa sia rivàa.

Vüna ‘drée l’altra i senténz tütt gh’hann ribaltàa:

Ma ai nost vécc, in ‘sto intràchen, ‘n quaidün ‘l gh’ha pensàa?

Varées l’è inscì bèla, ghe manca dumà pocch,

e la qualità dra vita saress mei ‘n tocch.

Mi crédi ca ga sia tanta bóna vuluntà.

Su, tücc inséma alura! Démas da fa!

Ho parlàa anca tropp, mo va lassi in cumpagnia:

di amiis, vost da cà… e par finì in alegria,

mi va racumandi: bevì ‘n bicer da vin,

a la salüüt vòstra e dul vòst

Re Busin!

 

Donne e ragazze, uomini e ragazzi, gente di Varese

di tutte le Castellanze, del centro e dei paesi:

bosini, vi saluto! Siete giunti proprio in tanti

da luoghi vicini e dai quelli più distanti.

E’ sempre un grande spettacolo girare per le strade

in mezzo a gente allegra e bambini mascherati.

Carri, musica, ballerine, fracasso,

per me, re bosino, non c’è niente di più bello.

Oggi a Varese, per onorare la tradizione

non manca proprio nulla, posso dirlo con cognizione!

Allora dico la mia, fin dal principio

e secondo l’usanza, delle faccende del Municipio.

L’anno scorso avevo fatto un certo paragone

tra la gestione del Comune e il gioco del pallone.

Il Sindaco ha preso veramente quella strada:

ha detto: per vincere occorre essere una squadra!

Tutti capitani nella squadra, non uno solo.

Sarà, ma quasi subito nel consiglio qualcuno

l’ha preso in parola e s’è chiamato fuori

e proclamato capitano d’una squadra nuova.

Cambieremo questa città! Hanno detto e l’han fatto!

Difatti, improvvisamente, tutte le strade hanno colorato;

ma non c’è niente da fare: il bianco può anche sporcarsi

allora hanno preferito il blu per non sbagliarsi.

Si vede che di vernice n’è arrivata tanta,

magari troppa, e perché non andasse sprecata

hanno colorato sia il centro che anche i rioni;

una maniera come un’altra per sanare il bilancio.

La città sta cambiando, questo è sicuro,

ma in tutte le cose ci sono due pesi e due misure:

la cultura, il turismo e pure l’innovazione

son certo da rimarcare, ma occhio alle tradizioni!

A proposito di cultura, mi sovviene,

abbiamo fatto probabilmente dei passi indietro.

I novant’anni dei “Bosini canterini”

non han fatto né caldo né freddo ai varesini.

Anni indietro, qui a Varese, v’erano di passaggio,

del cinema e della televisione gran personaggi.

Persino il “Bernascone d’argento” è emigrato

gli italiani di Budapest gli han fatto onore!

Funicolare, teatro, posteggi e stazioni,

qualcosa è fatto o sta procedendo davvero.

Ma intanto i negozi più vecchi, è destino,

sono obbligati a chiudere la saracinesca, vanno a pallino!

Il biglietto da visita, per chi arriva da fuori,

è quel che può vedere e quel che trova:

vecchie officine e case da tanto tempo abbandonate

non fanno onore ai bosini e alla loro città.

Per non parlare dell’illuminazione delle strade,

della sicurezza di notte per la città,

che è sempre lì, come prima, la caserma

(speriamo che l’anno prossimo non ci sia una conferma).

Il re bosino è affezionato ai bosini anziani,

a quelli malati che al Molina trovano alloggio:

c’era da tener sotto controllo l’amministrazione,

ma forse non era solo questa l’intenzione.

Tra indagini e controlli più d’un anno è passato

senza che ad una soluzione si sia arrivati.

Una dietro l’altra le sentenze tutto hanno ribaltato:

ma ai nostri vecchi, in questo intrigo, qualcuno ha pensato?

Varese è così bella, le manca davvero poco

e la qualità della vita sarebbe ancor meglio.

Io credo che ci sia tanta buona volontà.

Su, allora, tutti insieme! Diamoci da fare!

Ho parlato anche troppo. Ora vi lascio in compagnia:

di amici, dei parenti… e per finire in allegria,

vi raccomando: bevete un bicchier di vino,

alla salute vostra e del vostro Re Bosino.

17 febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs