Varese

Varese, La replica di Casa Pound all’esposto di Liberi e Uguali

casapoundddddd“Prendiamo atto che per Liberi e Uguali la questione più importante della campagna elettorale è estromettere CasaPound dalle elezioni. Forse pensano di poter recuperare consenso in quelle fasce sociali più deboli che una volta erano l’elettorato di riferimento della sinistra e ora guardano a noi. Ma, come al solito, finiscono solo per dimostrare la loro inadeguatezza politica: davvero credono che queste inutili pantomime ideologiche servano a qualcosa?”.

A dirlo è il responsabile cittadino di CasaPound Italia e candidato alla Camera e in Regione Lombardia, Gabriele Bardelli, in merito all’incontro dei responsabili di LeU con il prefetto Zanzi.

“La presenza nella competizione elettorale di CasaPound Italia è legittimata, a differenza della loro, dalle migliaia di firme che abbiamo raccolto tra gli italiani, i quali hanno risposto alla nostra chiamata in numero perfino superiore alle aspettative. C’è un motivo per questo: noi – sottolinea Bardelli – ci occupiamo degli italiani, facciamo politica e attività sociale pensando a loro e non sprechiamo il nostro tempo lambiccandoci su come aggirare la legge e le regole della democrazia per chiudere la bocca ai nostri avversari”.

“Aspettiamo con serenità l’esito del fondamentale esposto di LeU al ministro dell’Interno e al presidente della Repubblica, per il tramite del prefetto. Anche in questo si dimostrano retroguardia: qualcuno prima di loro – ricorda il candidato di Cpi – ci aveva già provato e si è sentito rispondere dal Viminale, attraverso un’informativa di cui forniamo il protocollo, così che tutti possano leggerla e rileggerla per sonni sereni (protocollo N.224/SIG. DIV 2/Sez.2/4333), che CasaPound ‘organizza con regolarità, sull’intero territorio nazionale, iniziative propagandistiche e manifestazioni nel rispetto della normativa vigente e senza dar luogo a illegalità e turbative dell’ordine pubblico’”.

11 febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs