Varese

Varese, Il Popolo della Famiglia candida Gabriella D’Amato

Un momento del Family Day

Un momento del Family Day

Il Popolo della Famiglia correrà da solo alle elezioni del 4 marzo 2018.  I comitati, i circoli, le centinaia di famiglie e singoli simpatizzanti da Brescia a Como, da Cremona a Varese, Milano, Monza, Bergamo, Pavia hanno dato una prova di grande capacità organizzativa raccogliendo oltre 5.000 firme solo in Lombardia utili alla presentazione delle liste di candidatura alle prossime elezioni politiche alla Camera dei Deputati ed altrettante al Senato della Repubblica che sono state presentate il 29 gennaio in Corte d’Appello di Milano presso gli uffici elettorali adibiti al controllo per la Lombardia.

In entrambi i casi, Camera e Senato, la raccolta firme è andata ben oltre il doppio del limite necessario per essere presenti in tutti i Collegi di Elezioni 2018.
Il simbolo del Popolo della Famiglia sarà presente quindi su tutte le schede elettorali non solo dei 10 collegi Camera e 5 Senato della Lombardia ma in tutti e 97 nazionali alle prossime elezioni politiche del 4 Marzo.
La sfida è così finalmente lanciata da quelle madri, da quei padri e da quei figli che presero parte fisicamente e spiritualmente ai Family Day del 2015 e del 2016 a difesa dei valori cosiddetti non negoziabili, ovvero delle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili, che riguardano il bene integrale della persona; tali esigenze sono quelle che emergono nelle leggi civili in materia di aborto e di eutanasia, quelle che riguardano la tutela e la promozione della Famiglia, fondata sul matrimonio monogamico tra persone di sesso diverso, unione naturale da proteggere nella sua unità e stabilità; quelle esigenze che, tra le altre, garantiscono la libertà di educazione ai genitori per i propri figli.
“Noi siamo convinti della profonda bontà di quanto più volte espresso da San Giovanni Paolo II, che affermava che la Famiglia è cellula primaria della società, struttura portante della civiltà e della vita di una nazione”, queste le parole di Gabriella D’Amato, Presidente del Circolo di Varese e Candidata al Senato nel Collegio Varese Como Sondrio Lecco che poi così continua “Sarà nostro dovere di buoni amministratori pubblici ritenere la Famiglia naturale quale “prisma”, figura poliedrica, attraverso cui leggere e risolvere tutti i problemi sociali e su cui ricostruire la nostra comunità.
Oggi però, il Popolo della Famiglia si ferma per dire grazie a tutti coloro che lo hanno sostenuto anche spiritualmente in questa prima importantissima parte della sfida per la partecipazione alla prossime elezioni politiche e per presentare i propri coraggiosi candidati, persone comuni, madri e padri di famiglia, che si sono volute cimentare in una sfida che mai avrebbero pensato di intraprendere se non per la grande motivazione di avere una missione da compiere a difesa dei propri figli e dei figli di tutti gli italiani”.

2 febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs