Varese

Varese, Lettera aperta della De Tomasi (Anpi provinciale) alla sindaca di Gazzada

Ester De Tomasi

Ester De Tomasi, presidente Anpi provinciale di Varese

Buongiorno Signora Cristina Bertuletti,

purtroppo ho letto quanto lei ha scritto sul suo profilo Facebook. Voglio sperare che il suo scritto sia frutto di superficialità che comunque non è un buon segno per chi ricopre una carica istituzionale.

Spero che lei voglia riflettere e riflettere significa anche chiedere scusa alle mamme che non hanno rivisto i propri figli perché inceneriti nei forni crematori, chiedere scusa alle mogli che hanno atteso invano il ritorno dei loro mariti, chiedere scusa a tutte le famiglie che hanno avuto morti nei campi di sterminio.

Uomini, donne e bambini caduti lungo l’interminabile via dolorosa della prigionia che non poterono tornare mai più. Non torneranno neanche i resti dei loro corpi perché le salme sono state bruciate e le ceneri disperse al vento.

Uomini, donne e bambini che hanno sognato, nelle lunghissime notti nei campi, il ritorno alle loro case.

Chiedere scusa a tutti i deportati che sono tornati e hanno avuto la vita segnata in modo indelebile dalla terribile esperienza dei campi.

La storia ci deve insegnare che il fascismo, il nazismo, la brutalità degli uomini e l’indifferenza hanno permesso che si scrivesse la pagina più vergognosa dell’umanità.

Non finirò mai di raccontare agli studenti e a chi mi vuole ascoltare, le sofferenze inenarrabili patite dai deportati di qualsiasi categoria, ebrei, politici, omosessuali, religiosi e ogni volta che racconto mi commuovo.

Si commuova anche lei e lo potrà fare andando a visitare il campo di Mauthausen dove vi è un monumento dedicato agli italiani con questa scritta: agli italiani che per la dignità degli uomini qui soffersero e perirono.

Ester Maria De Tomasi,

Presidente di Anpi provinciale Varese e con onore iscritta all’A.N.E.D. Associazione Nazionale ex deportati,

figlia del deportato politico Sergio De Tomasi

29 gennaio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs