Varese

Varese, Messa dei giornalisti, contro le fake news il “giornalismo di pace” di Papa Francesco

Un momento della messa dei giornalisti

Un momento della messa dei giornalisti

Questa mattina si è svolta presso la sede dei Salesiani la tradizionale Messa dei giornalisti in occasione del patrono San Francesco di Sales. Una celebrazione che ha visto la presenza di operatori dei media locali e, in rappresentanza di Palazzo Estense, dell’assessore Roberto Molinari.

La messa è stata celebrata dal vicario episcopale di Varese, monsignor Franco Agnesi, insieme al decano, don Mauro Barlassina, e al prevosto della città, monsignor Luigi Panighetti, Padre Gianni Terruzzi, fondatore di Radio Missione Francescana, e don Claudio Ghisolfi, direttore dell’Istituto salesiano “Maroni” di Varese.

Nel corso della celebrazione religiosa padre Terruzzi, nella sua omelia, ha fatto riferimento al messaggio di Papa Francesco in occasione della Giornata Mondiale della Comunicazione, un messaggio che al centro ha messo le fake news. “Il male in questo mondo – ha sottolineato padre Terruzzi – è la verità detta a metà, che si mimetizza”. Una verità che, ha continuato l’omelia, che si sottomette alla “logica del serpente”, quella seguita dal serpente, in Genesi, nel suo dialogo con Eva.

Come rispondere ad un universo come quello disegnato dal Papa? Con quello che Francesco ha definito “giornalismo di pace”: “Non un giornalismo buonista, ma privo di slogan ad effetto, fatto da persone per le persone, soprattutto le persone che non hanno voce”.

Al termine della messa, monsignor Panighetti, prevosto di Varese, ha richiamato la “responsabilità civile ed etica, una professione che vede i suoi protagonisti in prima fila nel dire la verità e aiutare la gente a riflettere”.

Come da tradizione, nel corso della messa sono stati ricordati i nomi dei giornalisti varesini scomparsi.

 

27 gennaio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs