Varese

Varese, Sit-in per il ricercatore Giulio Regeni, cartelli gialli sotto la pioggia

Un momento del sit-in

Un momento del sit-in

Tanti esponenti di associazioni, movimenti, partiti, ma soprattutto semplici cittadini hanno partecipato ieri sera ad un sit-in per chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e assassinato due anni fa.

Anche Varese ha così risposto all’invito di Amnesty International e della famiglia del ricercatore assassinato di conoscere la verità sul caso Regeni.

Nessuno slogan, nessuna bandiera, ma soltanto i cartelli gialli che invocavano la verità per lo studioso e che mostravano il suo volto.

La manifestazione partita attorno alle 20 e che si è svolta sotto la pioggia. Sopra il presidio si poteva vedere lo striscione che ieri è stato collocato sulla terrazza di Palazzo Estense.

Nutrita anche la delegazione dell’amministrazione cittadina, composta dal vicesindaco Zanzi e dagli assessori De Simone, Molinari, Strazzi, Dimaggio.

26 gennaio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs