Varese

Varese, Maratona del bilancio al via, in Aula è muro contro muro

Paolo Orrigoni a colloquio con i giornalisti

Paolo Orrigoni a colloquio con i giornalisti

Prima seduta del Consiglio comunale di Varese dedicata all’approvazione del bilancio e di altri provvedimenti collegati dopo l’impasse dell’altra sera in cui per ben due volte è mancato il numero legale.

Una “prima puntata” che proseguirà questa sera, sempre alle ore 19, con l’esame degli emendamenti presentati dalle minoranze.

Ieri sera si è svolta la discussione sugli emendamenti leghisti a firma Marco Pinti. Blindato il bilancio e muro della maggioranza, che ha respinto tutti gli emendamenti. Entrando nel merito, non si può notare come lo schema si sia ripetuto costante e immutabile per tutta la serata: presentazione dell’emendamento, con spostamenti anche significativi di risorse da un capitolo all’altro, parere negativo dell’assessore Cristina Buzzetti, bocciatura da parte del Consiglio.

Questa sera si proseguirà con gli emendamenti presentati dal capogruppo del Gruppo Paolo Orrigoni sindaco, dai consiglieri Valerio Mario Vigoni e Luca Boldetti (quest’ultimo ha ritirato ben 15 emendamenti dopo averli presentati). Alcuni emendamenti sono stati presentati anche dal capogruppo forzista, Simone Longhini, e da Carlotta Calemme.

Un solo emendamento è stato presentato dal sindaco Davide Galimberti, ed è relativo ad alcune tabelle sull’acquisto di beni e servizi, dal centro di via Maspero al Molina, dalle scuole agli uffici comunali.

La scelta di fare muro agli emendamenti pare confermata anche questa sera, quando al centro dell’attenzione ci saranno soprattutto gli emendamenti del gruppo Orrigoni. Un atteggiamento che certo si è rafforzato dopo l’uscita dall’Aula del gruppo, una decisione che parecchi consiglieri di maggioranza stigmatizzano.

Proprio ieri sera, in apertura di seduta è stato Luca Boldetti a prendere la parola per prendere le difese del gruppo in una lunga e articolata relazione di ottima fattura.”Da parte della maggioranza si sostiene che è sempre colpa degli altri, si fa sempre lo scaricabarile, invece di assumersi le proprie responsabilità”, ha detto il giovane consigliere. “Bizzarro poi – ha proseguito Boldetti – che le critiche siano contenute in un comunicato in cui su 4 firmatari, 2 erano assenti all’appello”.

Da segnalare anche l’uscita dall’Aula di Paolo Orrigoni, per evitare il conflitto di interesse, al momento in cui si è votato il provvedimento relativo ai parcheggi dei supermercati (provvedimento su cui Orrigoni si era già astenuto in Commissione).

 

 

22 dicembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs