Varese

Varese, Il clown Pimpa diverte i piccoli degenti della Pediatria

Il clown in Pediatria

Il clown in Pediatria

In pediatria è arrivato un uragano di allegria! Il clown Pimpa, amico da anni de Il Ponte del Sorriso, ha divertito ed incantato tutti provocando una vera esplosione di emozioni.

“Passeggiando per la pediatria del  Del Ponte si respira forte la meraviglia, aiutati da bellissimi nuovi disegni che la colorano. Meraviglia che può esistere grazie a tutte quelle persone che quotidianamente prestano la loro opera con straordinaria passione!” ha esclamato ringraziando Il Ponte del Sorriso.

Oltre ad uno spettacolo di magia, Pimpa ha creato un laboratorio davvero strepitoso coinvolgendo tutti i bambini e la loro sensibilità, facendo emergere in ognuno il senso di aiuto ed incoraggiamento nei confronti del prossimo, ma soprattutto facendo nascere in loro la forza di farcela e di non arrendersi mai. Lo strumento preferito di  Pimpa in ogni occasione è il sorriso, perché i sorrisi vincono la paura.

Con la sua aria un po’ svampita e le sue incredibili battute, Pimpa ha fatto ridere a crepapelle i bambini ricoverati ed i loro genitori.

Marco Rodari, in arte Pimpa, ha iniziato a vestire il suo naso rosso proprio nelle pediatrie degli ospedali della nostra provincia, andando a trovare tutti i bimbi ricoverati. Con in testa un buffo cappello con un’elica ha poi iniziato a viaggiare raggiungendo i bambini in difficoltà nelle zone più difficili della terra, dove guerra e bombe hanno preso il posto di giochi e allegria. Ovunque sia nel mondo però, il clown Pimpa riesce sempre a portare attimi di gioia e a far sorridere i bambini perché come dice lui “il sorriso di un bambino vale una vita!”.

Pimpa ha scritto un libro intitolato “La guerra in un sorriso” dove racconta e cerca di far capire cosa provano i bambini sotto i bombardamenti nel Medio Oriente devastato dalla guerra. E come, attraverso la magia e l’arte, sia possibile educare i bambini, ma anche gli adulti, al rifiuto dell’odio e della violenza.

 

15 dicembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs