Varese

Varese, Monti (Lega): Pessima gestione della situazione neve in città

spazza neve“Molti cittadini hanno lamentato una pessima gestione della situazione neve a Varese, con mancata salatura delle vie, strade non sgombrate nel ancora primo pomeriggio e caos generalizzato.” Così Emanuele Monti, consigliere regionale della Lega Nord al Pirellone circa i disagi alla viabilità a seguito della nevicata di queste ore.

“La situazione – prosegue Monti – non è stata gestita in maniera tempestiva, in particolare se teniamo conto di come l’arrivo della neve fosse stato preannunciato da giorni. Si è riscontrata infatti una generale disorganizzazione nella pulizia delle strade e nel coordinamento del traffico cittadino con code e ingorghi diffusi.

Stamattina ho voluto effettuare un sopralluogo per le vie di Varese, per verificare personalmente la situazione, raccogliendo inoltre le lamentele di molti varesini che mi hanno segnalato criticità in particolare nelle vie secondarie.  Specialmente la zona di viale Borri e del quartiere Bizzozero hanno avuto problemi viabilistici notevoli, sicuramente evitabili con quel minimo di prevenzione che il buon amministratore locale può e deve fare quando sono previste nevicate di un certo livello.

Purtroppo però – chiosa Emanuele Monti – ancora una volta la Giunta guidata dal sindaco Galimberti non ha perso occasione per dimostrare la sua inadeguatezza.”

11 dicembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti a “Varese, Monti (Lega): Pessima gestione della situazione neve in città

  1. Carlo il 13 dicembre 2017, ore 17:19

    Non è che quando c’era Fontana fosse meglio…

  2. Cesare Chiericati il 14 dicembre 2017, ore 19:05

    Anch’io francamente mi aspettavo qualcosa di più, quanto meno un piano di intervento specifico e tempestivo per ospedali, scuole, Asl di via Monte Rosa, Uffici finanziari ecc…. invece non c’è stato uno scatto di efficienza apprezzabile rispetto ai tempi delle giunte precedenti sempre e comunque deficitarie in materia. E poi sarebbe anche ora che i privati cittadini si impegnassero maggiormente nel fai da te a beneficio di se stessi e degli altri

  3. Emiliano il 15 dicembre 2017, ore 13:29

    Ogni volta che nevica sono guai… nel senso che anche una nevicata modesta (10 centimetri?) diventa argomento di strumentalizzazione politica.
    Credo che Chiericati dica bene facendo presente che “sarebbe anche ora che i privati cittadini si impegnassero maggiormente nel fai da te a beneficio di se stessi e degli altri”…
    Invece sempre tutti ad accusare, piangere e lamentarsi anzichè rimboccarsi le maniche.

    La pala e la fatica, queste sconosciute…

  4. ombretta diaferia il 16 dicembre 2017, ore 09:31

    par che si viva in una città assolata fronte mare, dove una nevicata è avvenimento!
    vero è che il clima è “cambiato”, ma siam ben capaci con 3 centimetri di neve (peraltro lavate dalla pioggia in poche ore) di indossare scarpe con suole atte ad affrontare i ghiacci prealpini e lasciare l’auto parcheggiata.
    invece no; dobbiamo dare la colpa a qualche autorità e raccontar fandonie.
    ciò che personalmente ho notato è stata l’eccessiva salatura, che ho interpretato come preorganizzazione per evitare pasticci, di cui oggi ci si lamenta comunque.
    han ragione Chiericati ed Emiliano: partecipazione significa che ognuno fa il proprio per un risultato collettivo. eppure pale (e le miracolose scope di saggina) le vedo sempre e solo in mano a persone di una certa età. quando ero bimba ci insegnavano che la “pulizia” di scale e stradine era una “consuetudine”: eravamo tutti buoni cittadini, per gioco…

  5. R. G. Varese il 17 dicembre 2017, ore 16:18

    Dopo anni di disagi e mancate spalature intorno alla Scuola Silvio Pellico di Via Appiani noi residenti abbiamo esultato, increduli, per la tempestività degli interventi lungo i marciapiedi di Via Cimabue, Appiani ed Albani. Qualche residente, anziani pensionati, si era sempre comunque adoperato per tale incombenza senza protesta o richiesta alcuna.Che ciascuno non perda tempo in chiacchiere e si munisca di badile, se ha un minimo di forza e senso civico. Ma basta ! Il Comune di Varese dovrebbe invece sanzionare chi non provvede alla pulizia tempestiva dei tratti di strada prospicienti gli ingressi di edifici privati secondo quanto previsto dal regolamento comunale in materia, Con le somme ricavate dalle sanzioni si potrebbe raddoppiare il numero degli addetti alla pulizia e salatura delle strade e dei marciapiedi.

  6. a.g. il 17 dicembre 2017, ore 19:03

    Sì, giusto, ai badili! Ai badili!

  7. R. G. Varese il 17 dicembre 2017, ore 20:10

    Ai badili! In realtà, Andrea, io credo sempre nella Rivoluzione. Si parte dai badili e dalla marra POI ” cangeremo la marra in fucile ” come scriveva Carlo Pisacane. Ahahahahah

Rispondi