Varese

Varese, In Consiglio passa nuovo Regolamento su contributi comunali alla cultura

libriDopo un lungo iter in Commissione, è giunto ieri sera in Consiglio comunale a Varese il nuovo Regolamento per patrocini e contributi del Comune alle associazioni.

Un testo importante, che ha visto in Aula un dibattito significativo, con la discussione di emendamenti delle opposizioni alle nuove norme che disciplinano una materia assai delicata come i rapporti tra Amministrazione comunale e associazioni culturali.

La serata non era partita, su questo versante, con il piede giusto per l’amministrazione. Nel corso dello spazio riservato agli interventi iniziali, aveva preso la parola il capogruppo di Forza Italia ed ex assessore alla Cultura, Simone Longhini, per comunicare una notizia assai grave, per tutti coloro che amano musica e cultura. Secondo le parole del consigliere, che ha presentato una interrogazione, la rassegna musicale nella chiesa di Loreto, a Capolago, si è dovuta interrompere perchè il Comune non avrebbe più elargito il suo contributo. Davvero un peccato, era una bella stagione, quella organizzata da don Amilcare Manara.

Non solo. Non è chiara la situazione sull’elargizione dei contributi alle associazioni culturali per quanto riguarda il 2o16, ancora non pervenuti a quanto si dice. Giunti a fine novembre, difficile che possano essere elargiti nei prossimi giorni.

Un tema, dunque, assai delicato e complesso, che ieri sera è arrivato in Aula con il nuovo Regolamento, su cui si sono scatenate le opposizioni. Diversi gli emendamenti presentati dal leghista Marco Pinti, che ha definito il documento un “regolamento all’italiana”. “Uno spazio di monitoraggio ricavato per il Consiglio  su contributi e partenariati – ha detto Pinti -, questo il senso dei miei emendamenti”.

Che comunque il tema fosse complesso lo si è visto nel corso del dibattito in Aula. Alla richiesta del consigliere lehista di fornire, trimestralmente, una lista con contributi e patrocini, ha rispostao pacatamente il consigliere Pd Spatola, che ha sostenuto essere poco utile un elenco di delibere, dato che solo un esame dei loro contenuti poteva dare un’idea delle scelte effettuate dall’Amministrazione.

Così come la richiesta di fissare un tetto ai contributi, da inserire nel regolamento, avrebbe comportato problemi: riferimenti troppo rigidi – secondo il consigiere Crugnola (Varese 2.0) – in una fase economica così incerta.

Bocciati tutti gli emendamenti, alla fine, anche quello del forzista Longhini che chiedeva un confronto, ex post, con le associazioni sul testo uscito dal Consiglio.

Alla fine, prima del voto, le dichiarazioni di alcuni consiglieri. Per Pinti (Lega) un regolamento “foglia di fico”, per Laforgia (Progetto Concittadino) “un lavoro utile, non tempo perso in Commissione”, per il Pd Fisco “un modo per mettere ordine in una situazione senza regole”.

Voto finale favorevole, con maggioranza per il sì, Lega contraria, forzisti e gruppo Orrigoni astenuti.

 

 

 

 

1 dicembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, In Consiglio passa nuovo Regolamento su contributi comunali alla cultura

  1. Bruno Belli il 1 dicembre 2017, ore 13:58

    C’è da sperare che i contributi siano, di fatto, erogati, a fronte di questo particolare documento, dato che molte associazioni attendono ancora quelli del 2016…
    Ad esempio, sono stati per primi gli organizzatori della stagione di Musica a Loreto a contattarmi per il problema. Abbiamo fatto in modo con gli stessi che la notizia uscisse, pubblicata anche sulla Pagina facebook ufficiale degli organizzatori.

    Vedo che Longhini ha colto l’occasione per un’interrogazione…molto più solerte di quando egli stesso era assessore, comunque…

  2. a. Lavit il 1 dicembre 2017, ore 14:45

    Chiederemo contributi per il biennio. Non si cancella cosi un aiuto che alle associazioni serve per fare altra cultura sul territorio. Siamo No profit

Rispondi