Varese

Varese, Donne invisibili, suicidi omicidi, convegno dell’associazione Gea

donneIl mese di novembre è spesso teatro di incontri più o meno istituzionali contro la violenza sulle Donne. Un momento importante, con date “solenni”, dove si ricorda in più Paesi quello che ormai pare essere una piaga difficile da arginare, non solo o non certo solamente perché i mezzi di informazione se ne occupano maggiormente.

L’Associazione “GEA – Genera Autostima contro la violenza sulle Donne” ha deciso anch’essa di dare il proprio contributo in questo mese speciale con un incontro che si terrà sabato 18 novembre alle ore 20 presso la Sala Montanari, a Varese, in Via dei Bersaglieri, 1.

La serata avrà un profilo informativo e formativo. Si daranno indicazioni sulla scena del crimine, comprendere e capire la vittima, tracciare un profilo dell’aggressore e affrontare casi che si sono verificati anche nella nostra zona. Dove l’omicidio era stato mascherato da suicidio.

Ospite d’onore di quest’incontro, dal titolo “Donne Invisibili, Suicidi Omicidi”, sarà il Generale Luciano Garofano ex comandante del RIS di Parma. Dalla sua viva voce si potranno ascoltare alcuni casi reali di cui lo stesso Gen. Garofano si è occupato. Cristina Brondoni, Criminologa e giornalista, per rimanere in tema di casi reali e delitti, illustrerà la scena del crimine, i luoghi, le metodologie di indagine delle scienze forensi. Tema, questo, che ha trovato un suo importante posto mediatico soprattutto dopo importanti serie televisive che hanno avuto il potere di mostrare un lavoro spesso oscuro, nascosto.

Varese si è mai trovata a confrontarsi con simili delitti? Questo è il nodo centrale dell’intervento preparato dall’Avvocato Damon Zangheri, Presidente dell’Associazione Varese Nascosta: a lui toccherà contestualizzare nel tempo e nei luoghi, dei fatti realmente avvenuti sul nostro territorio e di cui non tutti hanno memoria con la presentazione di un libro scritto da Roberta Lucata ,ambientato sui nostri laghi, dove si parla del ritrovamento dei resti di una donna dichiarata scomparsa.

Sarà interessante anche capire quali sono le “parole della cronaca”, come i media hanno modificato negli anni il loro linguaggio nel trattare questi delitti e quali sono le motivazioni di un linguaggio che muta, che ha lasciato la carta stampata a favore delle piazze virtuali, i social network, come illustrerà il giornalista Simone della Ripa.

Le implicazioni giuridiche di reati in crescita, quelle sociali ed antropologiche, con possibili, se non accertati, fenomeni di emulazione, saranno trattati rispettivamente dall’Avvocato Furio Artoni e della Psicoterapeuta Sabrina Sozzani, che tratterà pure il “posto” della vittima in questo fragile e doloroso iter. Chiuderà l’importante incontro l’attore Giulio Tabacchi della compagnia “Viaggiatori in sogno” con la visione di un Corto teatrale avente come tema sempre la violenza sulle Donne.

L’evento ha ottenuto il patrocinio del Comune di Varese, dell’Associazione Varese Nascosta, dell’Associazione Nazionale Carabinieri Varese, l’Associazione Cygnus Aikido ASD, Bardello Corsi, della Proloco Biandronno, dell’Associazione RIS, della La rivista Crime Magazine, di Ruspini Moda di Ornella Ruspini e della GEA che ha organizzato l’evento “DONNE INVISIBILI, OMICIDI SUICIDI

16 novembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs