Varese

Varese, Paris (Pd): prorogare stop alla caccia a tutela della fauna

L'incendio al Campo dei Fiori

L’incendio al Campo dei Fiori

Un evento di eccezionale gravità come quello degli incendi di queste ultime settimane, ha bisogno di risposte altrettanto importanti. Mai nelle nostre zone, a memoria d’uomo, si erano viste emergenze del genere e di queste proporzioni.

Con il decreto n. 13503 del 31 ottobre 2017, Regione Lombardia ha sospeso temporaneamente la caccia, fino al 16/11/2017, nel territorio di alcuni comuni dell’area del Campo dei Fiori interessati dagli incendi boschivi.  Quindici giorni di sospensione sono, ragionevolmente, davvero troppo pochi.
Occorre dare più respiro agli animali che popolano i nostri boschi, molti dei quali hanno perso gli abituali rifugi e punti di riferimento e probabilmente stanno vagando alla ricerca di cibo in altre aree, non toccate dal fuoco ma da loro non conosciute. Con l’avvicinarsi della rigida stagione invernale, questi animali saranno ancora più in difficoltà.
Chiediamo quindi che l’efficacia del decreto di sospensione dell’attività venatoria nelle aree individuate sia prorogata, almeno sino a quando il Governatore Maroni avrà sciolto la riserva su quanto ha dichiarato domenica scorsa durante l’incontro nella sede del Parco Regionale al Brinzio, cioé che “…stiamo cercando di capire se sia da accogliere la richiesta che alcune associazioni ambientaliste e anche qualche sindaco hanno fatto di vietare la caccia non solo nell’area coinvolta, dove peraltro é già sospesa fino al 16 novembre, ma anche nelle zone attorno”.
Come si suole dire, “la palla” é ora nel campo della Regione.
Vanno trovate le soluzioni, in questa situazione di emergenza ambientale, che consentano di tutelare la sopravvivenza di uccelli, mammiferi e di tutta la fauna selvatica delle zone a nord della provincia di Varese, contemperandole con le esigenze delle attività agricole e degli abitanti nelle zone maggiormente antropizzate. Siamo disponibili al dialogo per trovare queste soluzioni.
Ma non si può far finta di nulla, come hanno dichiarato alcuni in questi giorni, perché si rischierebbe prima di tutto un ulteriore grave danno all’ecosistema, dopo quello già gravissimo provocato del fuoco, e sarebbe  un’ offesa all’intelligenza ed alla sensibilità di moltissimi cittadini della nostra Provincia e della nostra Regione.
Luca Paris – Consigliere Provinciale

11 novembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Paris (Pd): prorogare stop alla caccia a tutela della fauna

  1. paola barresi il 11 novembre 2017, ore 09:17

    Buongiorno, la sospensione della caccia per dare respiro alla selvaggina è certamente una buona iniziativa, tuttavia si è sempre detto che gli animali presenti sul territorio sono troppi e bisogna tassativamente procedere con il prelievo di selezione (abbattimento) significa che ora che i territori si sono notevolmente ristretti a causa dell’incendio le zone a loro confacenti sono diminuite e quindi la presenza di capi è diventata in maggiore.
    Assisteremo a capi che attraversano i paesi e le strade, gia un cervo e un capriolo sono finiti sotto delle auto.
    Contrariamente a quanto i benpensanti dicono per fare una azione corretta in questo momento è necessario ridurre la presenza di capi, ben sapendo che a condizioni ripristinate entro pochissimo tempo dutto ritornerà alla normalità.
    Bisogna altresi ricordare che la presenza di cinghiali è da molti anni superiore a quanto si possa sostenere, tanto che erano presenti sul territorio degli abbattitori durante tutto l’anno, ora questo non interessa piu?
    I nostri politici devono smetterla di prendere ogni occasione per mettersi in mostra (ora và di moldo la crociata contro la caccia) domani chissà.
    Cordialità

  2. fausto moranzoni il 11 novembre 2017, ore 12:07

    Bravo Paris sei stato molto veloce a salire sul treno.
    Sono questi i politici che ci servono E CHE CI MERITIAMO!

Rispondi