Varese

Varese, Il leghista Monti: domenica il governatore Maroni al Campo dei Fiori

Roberto Maroni

Roberto Maroni

“Trovo assolutamente inadeguato il modo in cui il Sindaco Galimberti sta cercando di politicizzare la vicenda Campo dei Fiori, infilando una finta tassa di scopo su una questione che non riguarda nemmeno direttamente il Comune.” Così Emanuele Monti, consigliere regionale della Lega Nord, commentando la decisione odierna della Giunta di Varese circa l’introduzione una tassa di soggiorno.

“Agire in questi termini – spiega Monti – significa non fare quello per cui servirebbe in via ipotetica una tassa di soggiorno, ovvero potenziare gli albergatori, cioè utilizzarne i proventi per investire in infrastrutture e in turismo. La nostra amministrazione aveva scelto di non introdurla, proprio per marcare la differenza con grandi città come Milano e per rendere Varese maggiormente ‘appetibile’; detto ciò non contenstiamo tanto l’idea dell’introduzione di questa imposta, quanto il merito e la circostanza, che giudichiamo assurdi e fuori luogo.
Per questo siamo dell’idea che si tratti solo di una provocazione politica, un modo da parte di Galimberti per provare a mettere il cappello sulla vicenda Campo dei Fiori, ignorando il fatto che in ultima istanza chi ne pagherà le conseguenze saranno i turisti.
In più si prende la cosa a pretesto per batter cassa, considerato infatti l’evidente sconfinamento di competenze, in particolare tenuto conto del fatto che non è certo il Comune a dover intervenire con un’azione specifica sul Campo dei Fiori, che ricordo essere parco regionale.
A questo proposito – conclude Monti – è bene rimarcare che domenica il Governatore Maroni sarà in loco proprio per porre le basi, anche economiche, per un rilancio immediato del parco.”.

3 novembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Il leghista Monti: domenica il governatore Maroni al Campo dei Fiori

  1. ombretta diaferia il 4 novembre 2017, ore 13:38

    Accipicchia cosa si sente in campagna elettorale: addirittura il Campo dei Fiori viene rivendicato come regionale e il Comune non ci deve metter becco!
    hai capito che significa autonomia per i suoi promotori?!?!?!

    Quindi Maroni, sempre più in conflitto, da consigliere riveste l’abito da Presidente della Regione e arriva al Campo dei Fiori per delineare i confini?

    Ma il 14 novembre siederà al banco per ringraziar chi ha lavorato oppure farà i distinguo ringraziando il mezzi e uomini autoctoni e girando il volto davanti a quelli “stranieri”?

  2. Carcano Filippo il 5 novembre 2017, ore 11:30

    Buongiorno a tutti, il parco del campo dei fiori è certamente un parco regionale formato su un territorio di molti comuni e non solo sul territorio del comune di Varese, quindi il sindaco Galimberti ha solo una piccola parte del territorio facente parte del suo comune, tuttavia ha certamente il diritto di arrabbiarsi per i fatti avvenuti, ha la possibilità di raccogliere fondi ma poi deve passare il tutto ad ALTRI ricordando che la campagna elettorale è da tempo FINITA.
    Ora i cittadini voglio ciò che è stato promesso a suo tempo ed in primis il nuovo PGT con tutte le osservazioni inviate dai cittadini approvate ed inserite!!!.
    Il sindaco, il vicesindaco si devono occupare anche di altre cose per esempio dell’area per camper della Schiranna che da tre mesi è diventata un CAMPO NOMADI!!
    Suggerisco quindi a questa giunta di pensare ai FATTI perchè sono stati eletti per governare Varese da ormai un anno e mezzo.

Rispondi

 
 
kaiser jobs