Varese

Varese, Tremignani (Aime Turismo): no alla tassa di soggiorno

vareseNo alla tassa di soggiorno. Sono queste le prime parole della neo eletta Presidente di Aime Turismo, TIZIANA TREMIGNANI da anni impegnata nel settore turistico, oggi responsabile della spa della Tenuta della Annunziata di Uggiate Trevano e titolare di un B&B a Venegono Inferiore, tra le fondatrici, nei primi anni duemila, del Consorzio Turistico di Varese e Provincia, ha sviluppato importanti esperienze nella direzione di alcuni Luxury Hotel di Varese e può contare su una lunga esperienza all’estero.

“Oggi il turismo per la realtà di Varese deve assumere un peso specifico ed una importanza prioritaria. E’ indispensabile assumere con coraggio scelte concrete, atti mirati al rilancio della nostra città, delle nostre bellezze naturali ed architettoniche, cercando di mettere in stretto rapporto turismo, cultura, sport con le attività commerciali che vi operano.

Possiamo essere, come del resto lo siamo, una bella città, ma se non riusciremo anche ad essere ricettivi con servizi ed offerte concrete, resteremo una bella città ma scarsamente visitata.

Allora dovremmo studiare, ricercare assieme innanzitutto la vocazione della nostra città.

Innanzitutto sarebbe opportuno costruire uno stretto rapporto tra Turismo e Commercio, si dovrebbe anche realizzare una forte sinergia tra i due settori e tra i due Assessorati.

I dati sono oggettivi e neutri: oggi il sistema economico della città è poggiato sul terziario e in particolare sul commercio e sul turismo. Se questa breve premessa è condivisa dovremmo agire di conseguenza.

Aime riconferma con determinazione che le istituzioni Pubbliche, comprese e quelle locali, devono avviare una seria revisione e riduzione della pressione fiscale.

Confermiamo che siamo contrari al qualsiasi ed ulteriore forma di tassazione, sia verso le imprese sia verso i privati, anzi, sarebbe doveroso ridurre quelle già fin troppo esose in essere, inoltre riteniamo non più rinviabile una vera e autentica politica capace di ridurre sensibilmente la burocrazia che sta soffocando il sistema delle imprese Italiano impedendone la crescita.

In questi primi mesi di questa Amministrazione Comunale i cittadini, le imprese hanno già dovuto affrontare e metabolizzare il nuovo piano della sosta, ci sembra inopportuno introdurre anche un nuovo balzello, la tassa di soggiorno.

Varese come detto in premessa, sta faticando per conquistarsi una propria vocazione turistica, riteniamo che l’introduzione della tassa di soggiorno non aiuti questo sforzo, anzi vediamo il rischio che questa scelta possa per lo meno rallentare le aspettative di crescita di presenze turistiche sul nostro territorio comunale come tracciato dal documento Varese & Natura piano di rilancio turistico della città di Varese presentato dall’Assessore alla partita nei mesi scorsi.

Siamo consapevoli che spetta al Comune decidere in tale direzione, nostro compito è solo evidenziare la opinione di una realtà associativa che opera su questo territorio.

Per tanto, pur confermando la nostra opinione sopra espressa, se questa Amministrazione Comunale intende comunque procedere nella introduzione della tassa di soggiorno adotti però una particolare attenzione nella modalità e nel utilizzo dei fondi e che sia realmente applicata come una TASSA DI SCOPO.

Riteniamo indispensabile che le risorse raccolte con la Nuova tassa di soggiorno siano destinate esclusivamente ad iniziative, progetti, infrastrutture legate alla accoglienza ed alla ricettività della città di Varese.

Si condivida con le imprese che operano in città: il valore della tassa di soggiorno da applicare, a quali progetti, iniziative e infrastrutture destinare le entrate di detta tassa.

Si istituisca un tavolo con le imprese che monitori periodicamente l’andamento delle presenze turistiche. Un tavolo che sia anche chiamato a verificare lo stato di avanzamento dei progetti, iniziative ed infrastrutture finanziate con l’introduzione di questa tassa di scopo”.

La Presidente di Aime Turismo

Tiziana Tremignan

6 ottobre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs