Varese

Varese, Il festival Nature Urbane, prenotazioni, sold out e giovani volontari

Sindaco Galimberti, vicesindaco Zanzi e assessore Cecchi fanno il punto sul festival

Sindaco Galimberti, vicesindaco Zanzi e assessore Cecchi fanno il punto sul festival

“Alle 10 di questa mattina erano già circa 4000 le persone che si sono assicurate un posto per non perdersi uno dei tanti appuntamenti per la prima edizione del festival che prenderà il via venerdì a Varese. A meno di due giorni dall’inizio di Nature Urbane i numeri parlano di un primo importante successo per alcuni degli appuntamenti a prenotazione obbligatoria in programma per il festival del paesaggio della Città Giardino.

Un successo ancora più significativo visto che la comunicazione sul festival e il sito sono stati lanciati solo 10 giorni fa.

Grande successo anche tra i più giovani grazie ai percorsi pensati per le scuole: sono già oltre 1200 gli studenti delle primarie e delle secondarie di Varese che si sono registrati per un percorso tematico di Nature Urbane”.

Così il sindaco Davide Galimberti che questa mattina, insieme all’assessore alla Cultura e al Turismo, Roberto Cecchi e al vicesindaco Daniele Zanzi, ha fatto il punto sul festival Nature Urbane che prenderà il via venerdì 29 settembre.

La promozione del festival sta dunque procedendo in modo positivo. I manifesti di Nature Urbane si possono trovare nelle metropolitane di Milano, sui treni di Trenord e in molte città della regione e nel vicino Piemonte. Il video del Festival viene trasmesso ogni giorno negli aeroporti di Malpensa e Linate e al Multisala di Varese. La promozione ha coperto anche la vicina Svizzera e il Canton Ticino. Grande impegno dunque per far conoscere il brand Varese al di fuori dei confini della città per promuovere in modo positivo la Città Giardino e le sue ricchezze paesaggistiche, artistiche e culturali.

Il primo appuntamento a fare sold out dopo poche ore dal lancio del festival è stato il concerto del violoncellista di fama mondiale Mario Brunello che si terrà nel suggestivo scenario del Grand Hotel del Campo dei Fiori già questo sabato 29 mattina in due spettacoli tutti esauriti.

Il secondo tutto esaurito è stato raggiunto dallo spettacolo di Alessandro Taverna in programma sabato 7 ottobre alle ore 17 a Villa Panza-FAI.  Indicato dalla critica musicale inglese come «successore naturale del suo grande connazionale Arturo Benedetti Michelangeli», Alessandro Taverna possiede una creatività musicale capace di «far sorgere un sentimento di meraviglia come una visita alla sua nativa Venezia». Per NATURE URBANE Taverna eseguirà musiche ispirate ai temi della natura e del paesaggio eseguite su pianoforte Pleyel.

“I tanti sold out che stiamo registrando sono un segnale molto incoraggiante: non sappiamo ancora, in termini di numeri, quale sarà l’affluenza finale di pubblico agli eventi del Festival anche perché le prenotazioni crescono di ora in ora – ha detto l’assessore Cecchi – Ma quello che registro, e davvero credo che questo sia il segnale più interessante, è che vedo molta voglia di partecipare, di essere presenti, di essere osservatori attenti e protagonisti. È il segno che la città ha già tutti gli anticorpi contro l’indifferenza”. Anche la risposta dei volontari va in questa direzione – continua l’assessore – Camera di Commercio, Provincia e FAI stanno mobilitando il volontariato giovanile. Quindi non son qui a magnificare le magnifiche sorti e progressive, ma a testimoniare registrare e trarre spunto di quel che effettivamente accade”.

Grande successo anche per le visite ai giardini delle ville private di Varese, uno dei nostri patrimoni architettonici e naturalistici che ci ha permesso di ottenere il nome di Città Giardino. A poche ore dall’inizio del festival sono già esauriti i posti per alcune delle visite nelle ville Paradeisos, Nonaro, Mozzoni e Agosteo e in migliaia si sono già prenotati per una delle altre 16 ville aperte per la prima volta in assoluto grazie al festival Nature Urbane. Forte interesse anche per il Birrificio Poretti che ha già oltre 200 prenotazioni, seguita dalle visite a villa San Francesco e Bianchi Piatti Clerici.

Il sito dedicato a Nature Urbane registra ogni giorno una media di 700 contatti unici interessati agli eventi e alle visite, ai convegni e alle opportunità culturali e di scoperta di Varese.

Intanto in questi giorni i tecnici sono al lavoro per gli ultimi preparativi prima dell’inizio di Nature Urbane. Il personale è al lavoro anche per rendere ancora più belli i Giardini Estensi, luogo dove si svolgerà l’apertura del festival. Nei prossimi giorni verranno illustrati anche tutti i lavori di miglioramento dei nostri giardini realizzati in vista del Festival e che saranno un beneficio permanente per i varesini e la città.

“I dati sono molto confortanti – ha spiegato il vicesindaco Zanzi – La città ha risposto con entusiasmo e questo è un forte incoraggiamento per lavorare da subito alla prossima edizione. Inoltre, anche grazie Nature Urbane, stiamo effettuando diversi interventi in molti parchi e giardini, lavori permanenti che renderanno ancora più bella Varese”.

27 settembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Il festival Nature Urbane, prenotazioni, sold out e giovani volontari

  1. Alberto Lavit il 28 settembre 2017, ore 00:26

    ha detto l’assessore Cecchi : Ma quello che registro, e davvero credo che questo sia il segnale più interessante, è che vedo molta voglia di partecipare, di essere presenti, di essere osservatori attenti e protagonisti. È il segno che la città ha già tutti gli anticorpi contro l’indifferenza. . FANTASTICO bravo assessore !

Rispondi

 
 
kaiser jobs