Varese

Varese, Presidio del Comitato dipendenti del Ponte contro il Piano sosta

delponteAncora contestazioni nei confronti del Piano sosta dell’amministrazione comunale. Questa mattina è stata la volta di una cinquantina di dipendenti dell’Ospedale del Ponte che, davanti al nosocomio, hanno organizzato un presidio per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle ricadute negative del nuovo piano. E’ partita anche una raccolta firme per sostenere la mobilitazione.

Al presidio erano presenti il sindaco Galimberti e l’assessore Civati, oltre al consigliere Pd Conte.

Come sottolineano i partecipanti al presidio promosso dal Comitato dei dipendenti del Ponte, la nuova sistemazione dei posti auto nella zona dell’ospedale comporta “una nuova tassa” a carico delle lavoratrici, che si trovano a sostenere una spesa di 55 euro al mese. Come hanno sostenuto al presidio le lavoratrici, “a Varese il ticket  sulla salute si chiama parcheggio!”. Un “ticket” a carico anche dei pazienti che si recano allo stesso ospedale.

“Siamo tutti figli della stessa madre, tutti dell’Azienda Sette Laghi” dicono le lavoratrici. Ma non tutti trattati nello stesso modo: i colleghi dell’Ospedale di Circolo possono infatti usufruire di un parcheggio interno a 15 euro al mese.

“Esiste poi anche un grosso problema legato alla sicurezza – spiega Francesco Tucci, Fials dell’Ospedale di Circolo -. Con le strisce blu e con l’aumento dei costi, spesso le lavoratrici sono costrette a parcheggiare lontano. Una scelta che comporta rischi per l’incolumità delle lavoratrici, soprattutto di quelle che entrano in servizio all’alba e di quelle che terminano il servizio di notte”.

Come dice una lavoratrice del Ponte presente al presidio, Lucia Zappulla, “non vogliamo fare polemiche o attaccare nessuno, ma stiamo difendendo il nostro diritto a lavorare senza aggravi economici e in piena sicurezza”.

Comunque, sono parecchi quelli che ribattono che il Comune, davanti all’ospedale di Giubiano, avrebbe potuto lasciare più stalli bianchi. E parecchi suggeriscono che una soluzione potrebbe essere che i dipendenti dotati di badge usufruiscano gratis del nuovo parcheggio di via del Ponte.

 

18 settembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Presidio del Comitato dipendenti del Ponte contro il Piano sosta

  1. Laura P., il 19 settembre 2017, ore 12:40

    perché dovrebbe essere doveroso pagare per un uso privato di un bene pubblico? pubblico bene vuol dire che appartiene a tutti e tutti possono usarlo come l’aria che respiriamo, non appartiene all’istituzione comunale che può regolamentarlo, ma in modo equilibrato alternando spazi bianchi e blu in modo da permettere l’uso anche a chi ha bisogno dell’auto per lavoro e non è ricco .Questo è il significato delle norme del codice della strada che il piano della sosta di Varese non rispetta , se molti hanno sbagliato , a mio parere, approvandolo, l’unico rimedio è di riconoscere l’errore e cambiarlo

  2. giovanni dotti il 20 settembre 2017, ore 07:54

    Il ragionamento di Laura P. non fa una grinza. Ora che il pasticcio si è fatto, si cerchi di rimediarvi almeno fornendo ai lavoratori del DEL PONTE un permesso per usufruire del parcheggio nelle vicinanze a 15 euro al mese, come ali dipendenti del Circolo, senza limiti di orario, oppure anche gratuito come ai Cittadini residenti in città sprovvisti di garage.

Rispondi

 
 
kaiser jobs