Varese

Varese, Commissione Cultura, dal festival Nature Urbane a Villa Mylius

comune varese“Nature Urbane” approda alla Commissione Cultura del Comune di Varese. Ieri nel tardo pomeriggio, nello stesso giorno del lancio in Regione Lombardia, il festival dedicato al Paesaggio è stato al centro del dibattito in Commissione, sollecitato dai due consiglieri Longhini (Forza Italia) e Boldetti (Lista Orrigoni). Presenti in Commissione sindaco e vicesindaco.

Al centro del confronto una relazione dell’assessore a Cultura e Turismo, Roberto Cecchi, che ha richiamato i punti fondamentali dell’iniziativa. L’assessore ha affrontato anche i costi del festival, su cui i consiglieri di opposizione hanno voluto ci si soffermasse in modo più analitico.

L’assessore Cecchi ha quindi comunicato alcuni dati fondamentali, sia pure sottolineandone la loro provvisorietà: la manifestazione ha un costo complessivo di 172mila euro, di cui la gran parte, quasi 53mila euro, legata alla progettazione e alla attività di comunicazione.

Si tratta di costi, questi ultimi, che coprono diverse iniziative promozionali, alcune nell’ambito della città giardino, ma soprattutto in ambito più ampio, come accade per le pubblicità che sono state diffuse a Milano, tra la MM e la stazione delle Ferrovie Nord, per far conoscere l’esistenza della manifestazione e attirare pubblico da fuori Varese.

Del costo complessivo, 19mila euro giungono da sponsor esterni in un festival, ha ricordato l’assessore, del tutto gratuito per chi vi partecipa.

Un altro dato interessante è quello relativo alle letture che saranno effettuate da attori di nome partendo dal capolavoro di Italo Calvino, Il Barone Rampante: si è parlato di 16mila euro per i compensi degli attorni nei dieci appuntamenti che si terranno nei giardini varesini. Sempre per questi appuntamenti sarà presente una scenografia itinerante che si sposterà da un giardino all’altro e che viene noleggiata (costo 1400 euro).

Diversi gli interventi dei commissari. Il capogruppo forzista Simone Longhini ha espresso un giudizio positivo sul rapporto importante con Regione Lombardia., pur mostrando qualche preoccupazione per il meteo e la possibilità di sovrapposizione con analoghe manifestazioni, come “Ville aperte in Brianza”, che si svolge in un territorio ampio (che riguarda Como, Lecco e Milano) e in un periodo analogo.

L’assessore Cecchi ha risposto rimarcando l’attenzione mostrata per la manifestazione, con parole di apprezzamento e di elogio, da parte dell’assessore regionale all’Ambiente Terzi e dal presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, intervenuti alla presentazione di persona, e del presidente Roberto Maroni, in occasione dell’apertura della Fiera di Varese. “Un segnale positivo – ha continuato Cecchi – che dice come ci possa essere accordo e unità su alcuni valori importanti per l’intero Paese”.

Il commissario leghista Marco Pinti ha avanzato dubbi sul ricorso ad una struttura esterna per la comunicazione dell’evento. Poi si è anche detto convinto che, per come impostato, il festival corre il rischio di avere un carattere elitario. Il presidente Enzo Laforgia si è detto convinto che il festival ci ricotrda come “il privato abbia una responsabilità pubblica”. Interessante l’intervento del commissario Pd Spatola, che ha rimarcato come la manifestazione possa “riaccendere l’orgoglio varesino per la bellezza della nostra città, un sentimento spesso assente o scomparso”.

In coda alla Commissione si è parlato anche del progetto legato a Villa Mylius, oggetto di un Accordo di programma. Il commissario Pinti ha interpellato il vicesindaco Daniele Zanzi, in quanto leader di Varese 2.0, che ha avanzato critiche sull’ipotesi di Accademia del Gusto. Daniele Zanzi è intervenuto sottolineando come l’accordo contenga diverse “criticità” e dunque vada studiato in maniera approfondita. “Dato che si tratta di soldi pubblici, ci prendiamo tutto il tempo necessario per ripensare l’accordo”, ha replicato ancora Zanzi.

 

 

 

16 settembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Commissione Cultura, dal festival Nature Urbane a Villa Mylius

  1. ombretta diaferia il 16 settembre 2017, ore 13:32

    giusto per avere un buon quadro e non risultar di parte (che non è neppure mia!)
    quanto costo eurochocolate?

Rispondi

 
 
kaiser jobs