Varese

Varese, Referendum Lombardia, Paris (Pd): importante il sì per l’autonomia

Luca Paris

Luca Paris

Nel corso del Consiglio Provinciale di questa sera, nel corso della discussione su una mozione che riguarda l’ormai prossimo referendum regionale, è intervenuto anche Luca Paris:

“Il quesito referendario sul quale i lombardi saranno chiamati ad esprimersi a fine ottobre prevede, in sintesi, che a seguito della vittoria del sì, la Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione.
Semplicemente inutile, in questo momento, dire che il referendum si poteva non fare. Ormai è stato indetto e si terrà.
È importante, invece, che sia fatta una corretta informazione, affinché i cittadini possano capire e scegliere se andare a votare per il sì o per il no, oppure astenersi.
La vittoria del no lascerebbe tutto come adesso, anzi probabilmente soffocherebbe per decenni qualsiasi anelito di autonomia nei nostri territori.
La vittoria del sì, che personalmente auspico, non aumenterà automaticamente i poteri della Lombardia, ma costituirà l’avvio di un processo negoziale con lo Stato per cercare di raggiungere un’autonomia più ampia per la nostra Regione nelle materie già a legislazione concorrente (art. 117, terzo comma, della Costituzione) e in alcune tra quelle in cui attualmente lo Stato ha legislazione esclusiva ( lettere l) -limitatamente all’organizzazione della giustizia di pace- , n) ed s) dell’art.117, secondo comma, della Costituzione).
Con il pronunciamento per il sì, questa negoziazione avverrà sulla base di un suffragio diretto e popolare, e tanto più forte sarà la posizione dei sostenitori della maggiore autonomia quanto più alto sarà il consenso nelle urne. E proprio qui sta il significato politico che, a mio avviso, non é possibile ignorare o minimizzare.
Quella della richiesta di una più ampia autonomia, infatti, è una partita tutta da giocare per il centrosinistra lombardo, tenuto anche conto che fu proprio il centrosinistra ad approvare in Parlamento, nel 2001, la riforma costituzionale che modificò l’art.116, comma terzo, della Costituzione Italiana, e lo tradusse nel testo che oggi possiamo leggere e che è posto a fondamento del referendum del prossimo 22 ottobre.”

Luca Paris, Consigliere provinciale, delegato Stazione Unica Appaltante

14 settembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs