Lozza

Lozza, Si inaugura “Visioni da un libro incantato”, murale alla Scuola Pascoli

Il murale della Pascoli

Il murale della Pascoli

Si inaugura nella mattina del 17 settembre “Visioni da un libro incantato ”, un murale di oltre 110 metri quadri, interamente dipinto a mano da due artisti varesini Giorgio Presta e Alberto Frigo. L’immensa opera copre quasi interamente due facciate della rinnovata Scuola primaria G. Pascoli di Lozza.

I due artisti, contattati dagli amministratori comunali, hanno pensato e realizzato il murale, per abbellire la facciata contemporaneamente trasmettere un messaggio rivolto, sia all’interno, che all’esterno della scuola. Dopo alcuni confronti con la giunta comunale, è nata l’idea delle “Visioni da un libro incantato”, un’idea sorta da una frase di Nelson Mandela, “l’istruzione è l’arma più potente per cambiare il mondo”.

La frase è rappresentata sulla facciata ovest, scritta da un bambino, sulla riproduzione di un’antica lavagna, già esistente nell’atrio della scuola. Una bimba, alla sua destra, legge concentrata in mezzo ai libri e magicamente la lettura ed i suoi pensieri si trasformano in un giardino incantato, che si sviluppa su tutta la facciata sud, ove è presente il nome dell’istituto e che ben si armonizza con lo spazio ricreativo antistante, dove sono presenti alcuni alberi di alto fusto.

Questo giardino contiene anche elementi didattici e faunistici, si è pensato così di alleggerire l’edificio scolastico, rendendolo più colorato, gioioso e valorizzandolo nel contesto paesaggistico del Comune. Al contempo, si vogliono trasmettere ai bambini i valori primari del vivere, quali la conoscenza, l’amore per il bello e per la natura, anche in senso ecologico, e l’importanza di coltivare la propria fantasia come una pianta, per affinare le armi, con cui iniziare a cambiare il mondo.

L’opera dipinta utilizzando in prevalenza colori primari, aiuta ad entrare in empatia col mondo dell’infanzia, con un richiamo al pittore francese di fine ottocento Rousseau il Doganiere, e alle sue magiche e pure visioni di natura e foreste incontaminate, dove i nuovi virgulti potranno cercare i loro animali preferiti. La realizzazione, oltre al progetto, ha impegnato buona parte del mese di agosto ed è stata seguita con entusiasmo dai cittadini e dai bambini di Lozza.

Gli artefici, Giorgio Presta scultore e pittore e Alberto Frigo pittore e decoratore, sono due noti artisti varesini, con alle spalle diverse mostre e organizzazione di numerosi eventi.

11 settembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi