Varese

Varese, Alessia Longo segretario provinciale di Rivoluzione Cristiana

Alessia Longo

Alessia Longo

Alessia Longo, impiegata presso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e già candidata alle ultime elezioni amministrative di Varese come rappresentante del suo sindacato nelle liste di Forza Italia all’interno della coalizione di centrodestra, è stata nominata Segretario provinciale di Rivoluzione Cristiana.

Dopo la nomina ha affermato: “La mia decisione di voler accettare l’incarico è stata alimentata dall’entusiasmo e dalla positività che mi hanno trasmesso i componenti del Gruppo con estrema semplicità, determinazione e tanta voglia di fare.”

Longo ha poi proseguito rimarcando l’identità del partito: “Rivoluzione Cristiana è da considerarsi un centro democratico cristiano che osserva con attenzione e interesse le componenti partitiche di centro destra pur assumendo una posizione indipendente.

Il Partito a livello nazionale è federato con Forza Italia ma il Segretario, On. Gianfranco Rotondi, ha lasciato ampia libertà di scelta alle segreterie locali e provinciali per ciò che attiene le alleanze elettorali. Doveroso quindi evidenziare che non saremo trainati da nessuno ma saremo un gruppo trainante. Riteniamo inoltre di poterci fare portavoce di un appello a quel centro democratico cristiano che ultimamente a Varese sembra essersi smarrito e diviso: Un’aggregazione è possibile in nome di quei valori che ci uniscono.”

Infine, Alessia Longo ha spiegato i propositi per il futuro del partito: “Auspico che le proposte presentate nei mesi scorsi da Rivoluzione Cristiana possano prendere forma e rilancio nuovi progetti quali una lotta vera all’accattonaggio mediante una reale ed efficace revisione del regolamento di Polizia Urbana del Comune di Varese e un sostegno concreto ai commercianti. Lavorerò affinché ci sia un radicamento sostanziale del nostro partito sul territorio provinciale al fine intercettare il consenso di quei cittadini che, oltre a riconoscersi nella dottrina sociale della Chiesa Cattolica, sono sfiduciati dalla politica.”

2 settembre 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs