Regione

Regione, Bando patrimonio immateriale, sostenuta la parrocchia di Carnago

regione“Grazie all’ulteriore sforzo economico della Giunta regionale che ha stanziato 386.000 euro finanziamo 19 progetti, praticamente in tutti i territori lombardi, per la valorizzazione e la promozione del nostro straordinario patrimonio immateriale”.

Lo ha detto l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, Cristina Cappellini, illustrando la pubblicazione della graduatoria del nuovo bando sul patrimonio immateriale.

“Sono davvero soddisfatta – ha proseguito l’assessore – dell’esito di questo bando, a cui tenevo particolarmente, perché siamo riusciti a finanziare la stragrande maggioranza dei progetti presentati, perfettamente in linea con le nostre politiche culturali identitarie. Un’altra dimostrazione di quanto gli strumenti messi in campo dalla Regione siano, negli anni, sempre più apprezzati dagli operatori e dai territori lombardi”.

“Per noi – ha spiegato Cappellini – la valorizzazione del patrimonio immateriale rappresenta un elemento imprescindibile del programma di governo. In questi anni di lavoro sono diversi gli strumenti e le iniziative che abbiamo messo in campo: oltre agli investimenti economici, abbiamo organizzato importanti momenti di confronto con le principianti realtà del territorio che, come noi, hanno a cuore la salvaguardia delle tradizioni e delle identità delle proprie comunità”.

“I successi della cultura lombarda non finiscono qui – ha concluso l’assessore – tenendo conto poi che l’Anno della Cultura è appena iniziato. Posso già anticipare che nei prossimi giorni comunicheremo i nuovi contributi grazie ai quali potremo finanziare altri eventi, dalle mostre ai festival, dai musei alle biblioteche, fino alle produzioni cinematografiche”.

Per quanto riguarda Varese, è stato finanziato dal Pirellone con 8695 euro così come previsto dalla graduatoria del nuovo bando che prosegue il percorso di valorizzazione del patrimonio immateriale lombardo. Beneficiaria è la Parrocchia san Martino: Madonna dei Miracoli a Carnago.

Il progetto è finalizzato alla trasmissione nel tempo della tradizione del miracolo che si è verificato a Carnago la sera del 17 agosto 1619, in cui un cristiano devoto alla Madonna, Paolo Trinchinetto, ferito a morte, guarì a seguito di una preghiera. A questo miracolo ne seguirono altri e ciò impresse uno straordinario impulso alla vita religiosa del luogo tanto che la chiesta fu ampliata e trasformata in Santuario.

I rioni carnaghesi sfilano la 2° domenica del mese di settembre per le strade del paese adornato per l’occasione nelle sue vie di addobbi floreali e tessuti offrendo simbolicamente dei doni alla Madonna che verranno successivamente venduti all’incanto. Il tutto culmina la sera della processione che percorre le vie del paese portando il dipinto della Madonna. Oltre alla celebrazione religiosa si organizza “il Palio dei rioni” nel sabato antecedente, in cui le sfide sono cambiate nel corso degli anni e una rappresentazione storica svolta in abiti d’epoca.

Costo totale del progetto: 11.750 euro

Richiesta di cofinanziamento: 8.695 euro

Finanziamento concesso: 8.695 euro

5 agosto 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs