Varese

Varese, Qualche momento di tensione, poi i profughi riprendono il treno per Busto

Un momento della mattinata davanti alla stazione dello Stato di Varese

Un momento della mattinata davanti alla stazione dello Stato di Varese

Dopo la tensione di ieri e l’incontro con il Prefetto, dopo la notte di bivacco davanti alla stazione dello Stato di Varese, dopo una lunga mattinata di dialogo e di qualche momento più difficile, il gruppo dei cento richiedenti asilo giunto ieri da Busto Arsizio, è tornato a Busto in treno, scortato da agenti della polizia.

Una vicenda durata due giorni che si è conclusa questa mattina, attorno alle ore 11, quando i migranti, con zaini e coperte, sono saliti sul treno. Prima di questa conclusione, nel corso della mattina i momenti di mediazione si sono alternati a momenti in cui, le forze dell’ordine con caschi e manganelli, hanno tenuto sotto controllo i profughi.

Quando uno dei poliziotti ha ricordato loro con un megafono che stavano occupando il suolo pubblico e che dovevano andarsene, qualche profugo ha reagito con urla. Alcuni istanti di nervosismo, con un breve contatto tra profughi e forze dell’ordine (presenti in piazza Polizia, Carabinieri e Polizia locale), e poi la situazione si è tranquillizzata.

A quel punto, a piccoli gruppi, i profughi hanno iniziato a defluire e a salire sul treno in attesa sul primo binario. Solo uno dei profughi si è sentito male, ed è stato prontamente soccorso da un’ambulanza.

 

 

 

 

 

 

27 luglio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Qualche momento di tensione, poi i profughi riprendono il treno per Busto

  1. Paolo Vinci il 28 luglio 2017, ore 14:02

    Hanno pagato il biglietto?

  2. Emiliano il 31 luglio 2017, ore 12:43

    Bella domanda…
    Comunque le ricordo che anche lei – come me ed altri – deve rinnovare il permesso di soggiorno..

    Saluti.

Rispondi

 
 
kaiser jobs