Varese

Varese, “Oltre” di Faravelli e Guadalupi all’Orto d’Arte targato Lavit

La scultura "Oltre" con gli autori Faravelli e Guadalupi

La scultura “Oltre” con gli autori Faravelli e Guadalupi

Nuova opera all’Orto d’arte di via Bagaini a Varese, l’originale iniziativa di arte en plein air, di arte in città promossa da Associazione Culturale Parentesi e Spazio Lavit, con il contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto e l’ospitalità di Edil3immobiliare.

Questa volta lo spazio a sinistra è stato occupato dalla scultura dal titolo “Oltre”, realizzata da Paolo Guadalupi e Francesco Faravelli. Si tratta di una scultura in ferro, che raffigura due grandi ruote in cui sono ritagliate le sagome di due alberi. L’opera risulta assai valorizzata dalla location dell’Orto d’arte.

Quale il significato della scultura? Lo chiediamo a Francesco Faravelli, un lungo percorso alle spalle, partito dalla ceramica raku. “E’ difficile individuare un significato preciso, un contenuto definito – risponde l’artista -. Le nostre opere hanno più un impatto estetico”.

Le opere dei due artisti sono spesso presenti all’estero, sia in mostre d’arte, che come elementi legati ad edifici. Molti lavori sono all’estero, dalla Svizzera a Dubai.

L’opera “Oltre” resterà in via Bagaini fino al mese di settembre.

 

Paolo Guadalupi

La sua formazione è stata inizialmente tecnica, si diploma nel 1995 presso l’Istituto Tecnico per Geometri di Varese. Durante le scuole superiori coltiva già la passione per il design e l’armonia delle forme. Dopo diversi anni di lavoro come geometra nello studio del padre, nel 2000 decide di seguire la sua vera passione e iscriversi all’Interior Design Institute di Milano. Dal 2002 diventa assistente designer. Nel 2003 partecipa al “Premio Internazionale Piranesi”. Nel 2004 si laurea con lode presentando un progetto di un allestimento temporaneo di quattro suite nel parco di Villa Adriana (Tivoli).  Nel 2005 si trasferisce in Canada e si iscrive al Renisson College presso la Waterloo University di Kitchener (Ontario), dove accresce la sua esperienza nel mondo del design internazionale. Tornato in Italia collabora con diversi studi di architettura e interior design, fornendo un supporto alla progettazione grafica tridimensionale. Nel 2005, incontra Francesco Faravelli durante la creazione dello stand per Maison & Object a Parigi. Questo incontro portò ad una stretta collaborazione che dura ancora oggi e alla nascita di FG Art and Design.

Francesco Faravelli

Nato a Milano nel 1970, ha avuto una formazione scolastica di tipo tecnico. Dopo anni di esperienza commerciale in grandi aziende si avvicina in modo casuale al mondo della ceramica. Frequenta dapprima la bottega di un ceramista e scultore a Varese, poi si iscrive ad un corso annuale per ceramisti sponsorizzato dall’Unione Europea. Qui viene subito alla luce un particolare interesse per la tecnica Raku. Partecipa a diverse mostre e nel 2002 espone le sue opere presso lo stand B&B Italia al Salone del Mobile di Milano in collaborazione con Studio Collage. Nello stesso anno, crea prima una collezione di gioielli per Dolce e Gabbana, e poi un progetto per l’Institute of Modern Design di Stoccolma. Ha vinto il terzo premio al Mia, Mostra Internazionale Arredamento (Monza-2004) e nello stesso anno è stato selezionato per partecipare a una mostra d’arte collettiva di ceramisti Raku. Nel 2004 spot TV e rassegna stampa con Le Fablier a Villaerba (CO). Nel 2005 Mostra personale presso Pappafood – sede Mediaset (Cologno Monzese). Nel 2005 incontra Paolo Guadalupi durante la creazione dello stand per Maison & Object a Parigi. Questo incontro portò ad una stretta collaborazione che dura ancora oggi e alla nascita di FG Art and Design.

30 giugno 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs