Varese

Varese, Marco Marturano è il grande comunicatore di Palazzo Estense

Marco Marturano

Marco Marturano

Selezionato il professionista che si occuperà dello sviluppo di una azione di governance della comunicazione del Comune di Varese. Si tratta di Marco Marturano, docente di giornalismo politico in master e corsi universitari e privati, nonché giornalista pubblicista e consulente per aziende pubbliche, associazioni come Anci Lombardia e Anci nazionale.

E’ stato anche consulente della compagna elettorale del sindaco Davide Galimberti, il suo spin doctor, dopo una serie di esperienze che lo avevano portato a svolgere incarichi simili anche per altri esponenti politici, come Piero Fassino, Massimo Cacciari e altri ancora.

Nei mesi scorsi il Comune, non avendo al proprio interno una figura professionale di questo tipo, aveva pubblicato un bando per la ricerca di un professionista con una alta specializzazione, esperienza e competenza in comunicazione pubblica. Al bando hanno partecipato 8 candidati. La commissione, formata da componenti esterni qualificati ed esperti in comunicazione più un dirigente e un funzionario del Comune ha proceduto alla selezione tra chi ha presentato la domanda. Le selezioni si sono svolte in forma anonima, la commissione ha esaminato le candidature senza conoscere i nomi dei candidati.

Il primo obiettivo affidato al nuovo professionista è il rilancio anche in chiave turistica e culturale del brand Varese per allargare la capacità comunicativa, attrattiva ed economica della città. Uno dei passaggi fondamentali che dovranno essere studiati nel nuovo Piano di Comunicazione che verrà realizzato grazie proprio alla supervisione del nuovo professionista è la definizione del Brand Varese.

L’amministrazione ha infatti considerato prioritario lavorare sul rilancio generale della nostra città anche sotto l’aspetto comunicativo che possa esaltare le peculiarità del nostro territorio e farlo conoscere oltre i confini cittadini attraverso un processo di comunicazione al passo con i tempi e altamente professionale. Questo anche per far sì che attraverso la promozione territoriale possano giungere in città investitori e nuovi capitali per il rilancio economico e occupazionale della città. Questo percorso si intreccia anche con il recente Piano per il rilancio turistico e culturale Varese&Natura che necessariamente dovrà avere un seguito comunicativo di grande slancio. 

Un lavoro importante dunque a cui si unirà un percorso di redazione, monitoraggio e sviluppo del piano di comunicazione dell’Ente per i prossimi anni che avrà come obiettivi quelli di potenziare la comunicazione, l’ascolto e il confronto con i cittadini e un’organizzazione della comunicazione sia interna che esterna. Infine il Piano della Comunicazione che il Comune si prepara a redigere conterrà anche le indicazioni per consentire un monitoraggio costante dei risultati ottenuti. In questo senso l’efficacia della comunicazione dell’Ente sarà valutata anche dai cittadini stessi che potranno indicare al Comune in che cosa si deve migliorare.

“Abbiamo seguito una procedura di cui siamo orgogliosi che ha consentito di pesare sia il curriculum che la qualità del progetto presentato dai candidati così come richiesto dal bando – dichiara l’assessore Francesca Strazzi -. Da adesso potremo aumentare le possibilità di partecipazione dei cittadini di Varese alla vita dell’amministrazione e il resto del paese e del mondo a conoscere e investire su Varese”. 

 

 

 

 

29 giugno 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Marco Marturano è il grande comunicatore di Palazzo Estense

  1. franco giannantoni il 30 giugno 2017, ore 08:25

    Caro Direttore, a parte il fatto che sarebbe più utile progettare. pensare, realizzare piuttosto che “annunciare”, a cosa serve “un gran comunicatore” quando già esiste a Varese, che non é New York, un portavoce del sindaco e un fitto reticolo di rapporti fra Palazzo Estense e i quotidiani di ogni tipo e colore? Un altro tassello di quel modello “renzista” che sta avvolgendo il Paese. Cordialità, Franco Giannantoni

  2. domenico nitopi il 1 luglio 2017, ore 00:25

    Modello “renzista”, giustamente. Anche Renzi, divenuto disgraziatamente Presidente del Consiglio, si era portato dietro a Palazzo Chigi il suo spin doctor, Filippo Sensi, come suo portavoce. Certo, qui c’è stata una selezione, ma, quando si dice il caso, la scelta è caduta sullo spin doctor della campagna elettorale. A commento dell’articolo “Varese, Il leghista Piatti su comunicazione del Comune. Nuova figura da 40mila euro” del 15.02.2017, già avevo evidenziato che, a Varese, nelle attuale situazione ed quel costo (doppio rispetto ad altre città vicine), non era proprio necessario un comunicatore, per così dire. E rileggendo i commenti al menzionato articolo, devo riconoscere che qualche commentatore ha, tra l’altro, la qualità della preveggenza.

Rispondi

 
 
kaiser jobs