Varese

Cinema, “Varese, provincia d’autore”, ad Esterno Notte la “grande bellezza” del nostro territorio

Foto di gruppo finale (Foto esclusiva per Varese Report)

Foto di gruppo finale (Foto esclusiva per Varese Report)

Il meteo incerto ha consigliato ieri sera di spostare prudentemente il trentesimo “compleanno” di “Esterno Notte”, la storica rassegna estiva organizzata da Filmstudio 90,in Salone Estense, che subito si è riempito di varesini che hanno voluto partecipare a questo momento di “celebrazione” sia pure molto simpatica e informale.

E’ stato il patron della manifestazione Giulio Rossini, con accanto il sindaco Davide Galimberti, ad aprire la serata con una punta di emozione e ricordando che all’inizio “eravamo un gruppo di ragazzi” che poi, nel corso degli anni, ha visto consolidare quella che il sindaco ha definito “un’intuizione felice, la capacità di guardare lontano”.

Ma al centro della serata, come dall’annuncio era stato anticipato, un’anteprima del bellissimo documentario di Eugenio Manghi, fotografo e documentarista molto attivo in Italia e all’estero, e di Annalisa Losacco, moglie di Manghi e sua brava collega. entrambi presenti in sala, dal titolo “Varese, provincia d’autore“, un documentario che sarà presto programmato nella trasmissione “Geo” della Rai.

Il documentario condotto da una voce fuori campo ci conduce in una provincia che fa della bellezza il suo cavallo di battaglia. Manghi se la gira per il lungo e per il largo, privilegiando spesso le riprese aeree, gli scorci paesaggistici, e restituendoci una provincia dal sapore molto tradizionale e un po’ bucolico.

Paesaggi, fiori, montagne, laghi, verde, palazzi e dimore che ci riportano ad un passato di maggior prestigio rispetto al presente, tutto questo è la grande bellezza della nostra provincia per Manghi e Losano. Un grande affresco in cui rientrano le storie e i personaggi: da Chicco e Betty Colombo, che vediamo occuparsi dei loro burattini di legno e di carta, a Mario Chiodetti, che sfreccia in bici per la città e approda alla sua bella casa-museo, dagli ultimi pescatori del lago all’Accademia Villa Bossi di Bodio, dalla Corte dei Brut di Gavirate ai Mulini di Piero in Val Veddasca.

Una “grande bellezza” che Manghi-Losacco ci restituiscono con immagini raffinate e un montaggio molto classico. Al termine di circa 40 minuti di proiezione, foto di gruppo di tutti i protagonisti del documentario presenti. E poi un piccolo brindisi alla salute di “Esterno Notte” che è ripartito ancora una volta. ——

29 giugno 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs