Varese

Varese, Gay Pride, il grande fiume arcobaleno attraversa la città

Dalla pagina di Giovanni Boschini

Dalla pagina Fb di Giovanni Boschini

Anche per questa seconda edizione del Varese Pride la scommessa è stata vinta. Una fiumana colorata, con bandiere, musica, ha dato vita al corteo della grande manifestazione organizzata da Arci Gay Varese, presieduto dal bravo Giovanni Boschini. Un corteo lunghissimo e multicolore, divertito e danzante, che ha percorso le vie della città affollate di curiosi e fans. Sì è poi dato appuntamento finale nel cuore stesso della città giardino, in piazza Monte Grappa.

Partenza da via Sacco, davanti a Palazzo Estense, il corteo ha percorso via Bernascone, ha attraversato piazza Monte Grappa, via Carrobbio, via Bizzozero, piazza Repubblica, via Spinelli, piazza Repubblica, via Manzoni, via Volta, un itinerario che è stato percorso per due volte.

Nel corso della manifestazione è stata distribuita frutta e sono state regalate decine di bottigliette di auto per fare fronte al caldo afoso.

A differenza dello scorso anno, quando la giunta comunale rifiutò di dare il patrocinio, questa volta la giunta Galimberti era presente con diversi assessori, a dimostrazione dell’attenzione alla tematica dei diritti: Andrea Civati, Rossella Dimaggio, Dino De Simone e Ivana Perusin. Assente però il sindaco Galimberti.

Al termine del corteo arrivo in piazza Monte Grappa, dove si sono tenuti alcuni  interventi. Il più atteso certamente quello di Stuart Milk, nipote di Harvey Milk, l’attivista per i diritti civili assassinato nel 1978. Hanno chiuso gli interventi del viceconsole americano in Italia, Rami Shakra, e il presidente nazionale di Arci Gay, Flavio Romani. Poi il palco è stato regno di Valentina Cusano, dj che ha scatenato la piazza con balli e melodie senza freno. Festa finale al Salotto.

17 giugno 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Gay Pride, il grande fiume arcobaleno attraversa la città

  1. Paola Barresi il 18 giugno 2017, ore 19:51

    Buonasera, questo è l’ultimo degli atti di una giunta che ha promesso il rilancio di Varese.

Rispondi