Varese

Varese, Caso Addolorata al centro del Consiglio comunale del 26 giugno

scuoleinfanziaRestavano ancora punti interrogativi sul Consiglio dedicato alla Scuola Addolorata di via Luini a Varese. Interrogativi che scomparsi dopo che la riunione dei capigruppo ha preso atto della richiesta delle opposizioni di dedicare uno spazio di discussione dedicato alla scuola di via Luini. E così è stato.

La seduta del Consiglio avrebbe dovuto svolgersi il 22 giugno, ma la capigruppo ha spostato al 26 giugno la data della seduta, che oltre all’Addolorata, vede all’ordine del giorno anche una mozione depositata dal leghista Fabio Binelli e una sulla chiusura di via Sacco sottoscritta dal capogruppo di Forza Italia Simone Longhini e del consigliere Luca Boldetti (Lista Orrigoni).

La richiesta di discutere dell’Addolorata è stata sostenuta dalla firma di almeno nove consiglieri, e doveva ricevere risposta, a norma di regolamento, entro 20 giorni. Tale richiesta è stata fatta formalmente dal capogruppo di Forza Italia, Simone Longhini, che proprio sulla scuola di via Luini a Varese ha depositato una mozione.

Nella “Capigruppo” è emerso forte il dissenso del Pd. “Non si giustifica una spesa di circa 3000 euro – tale è infatti l’onere complessivo a carico del Palazzo Estense per ogni Consiglio comunale – dichiara il capogruppo Pd Luca Conte -. Una spesa superflua, a maggior ragione per chi abbia cognizione del fatto che i fondi per le opere necessarie presso la scuola Mazzini (70.000 euro) sono già stati stanziati con apposita variazione al bilancio presentata, discussa e votata nell’ultima seduta del Consiglio comunale di martedì 30 maggio e che l’assessore Molinari ha già espresso da circa un mese le dovute rassicurazioni in merito all’incremento delle risorse già oggi dal Comune destinate alla mensa di via Bernardino Luini”.

 

 

15 giugno 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs