Varese

Varese, Omaggio di dieci pianoforti ad Alberto Savinio al chiaro di luna

I protagonisti di #10 Pianos Street

I protagonisti di #10 Pianos Street

Negli ultimi anni se ne è sentito parlare sempre meno, con rarissime citazioni e ancor più rari apprezzamenti. Questa sera, ai Giardini Estensi, a Varese, è stato evocato il nome di Alberto Savinio, il geniale fratello di Giorgio De Chirico, con opere quasi tutte ripubblicate nelle bellissime edizioni Adelphi.

Alla presenza di un centinaio di varesini, nel cortile d’onore del Comune di Varese si è potuto ascoltare #Pianos Street, un’installazione-concerto realizzata con dieci vecchi pianoforti: a suonarli otto donne e un uomo (il decimo pianoforte era a disposizione del pubblico). Hanno eseguito, all’unisono, brani composti da Sebastiano Cognolato, che ha racchiuso le sue composizioni sotto il titolo di uno stupendo libro di Savinio, Ascolto il tuo cuore, città.

I pianoforti utilizzati possono essere acquistati e il ricavato va all’associazione Soleterre Onlus. Fondamentale la collaborazione Musea Game Art Gallery, che ha suggerito di dedicare il concerto al fotografo Roberto Molinari, recentemente scomparso.

Una vera chicca artistica che chiude in bellezza questo weekend di eventi organizzati con grande successo dal Comune di Varese nell’ambito di Cult City: se al concerto di ieri sera dell’ottima Antonella Ruggiero, con più di duemila persone, questa sera, ad ascoltare le pianiste provenienti dalla Scuola di musica Antonia Pozzi è arrivato un centinaio di amanti della musica. Ma i brani proposti erano raffinati, innovativi, un suggestivo mix di musica e performance.

Mai visto nulla di simile a Varese. Certamente un segno positivo che qualcosa si può fare per smuovere l’immobilismo che, negli ultimi 20 anni, ha caratterizzato la cultura a Varese.

 

FOTO

28 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs