Varese

Varese, Le Winx ai Giardini. E’ scontro sul contributo dato dal Comune

winxIl Winx Magic Day arriva ai Giardini Estensi di Varese sabato 27 maggio 2017. Uno spettacolo che ha sempre fatto il sold out ovunque sia giunto. L’appuntamento è ai Giardini Estensi e per tutto il pomeriggio sono in programma attività legate al mondo delle fatine della popolare serie animata.

Un evento che, come rimarca il consigliere comunale della Lega Marco Pinti, il Comune di Varese sostiene con una delibera da 5.900 euro.  “Ho finito di domandarmi in che mondo vive l’assessore Cecchi – attacca Pinti – perchè dopo i 5.900 euro di denaro pubblico investiti per la manifestazione delle Winx è chiaro a tutti che vive in quello delle fate.”

Per fare chiarezza sul finanziamento e sulle sue motivazioni, il consigliere leghista Pinti ha depositato un’interrogazione in Comune “per sapere” – spiega – “quali magiche connessioni corrono tra la serie animata e la valorizzazione della cultura del territorio”. “Su questo finanziamento ci sarebbe da ridere – continua – se non si trattasse di un vero e proprio insulto a tutti coloro che a Varese la cultura la fanno sul serio e da tempo, con peraltro grandi professionalità proprio nel campo dell’intrattenimento e dell’educazione dei più piccoli.”

“Si concedono fondi alle Winx mentre molti tra autori teatrali, associazioni culturali e sportive, senza dimenticare vere e proprie eccellenze del territorio specializzate nel tramandare in modo coinvolgente e autentico le tradizioni locali e i messaggi eterni  delle fiabe alle nuove generazioni, aspettano di avere udienza dall’assessore affinchè siano esaminati i molti progetti presentati e ancora chiusi nel cassetto.”

“Niente di per sé contro le Winx – precisa Pinti – ma è evidente che si tratta di una realtà commerciale forte e strutturata che certo non ha necessità di essere finanziata con soldi del Comune che invece fanno la differenza per tutti coloro che si dedicano ai più piccoli cercando di non smarrire il filo di una cultura radicata nel tempo e nello spazio.” “Mi auguro – conclude il consigliere del Carroccio – che intervenga il Sindaco per ritirare la delibera”.

A stretto giro di posta risponde l’assessore alla Cultura del Comune, Roberto Cecchi. “Ancona, Forte dei Marmi, Cesenatico, Pordenone, Bari e ancora ospiti della regione Friuli Venezia Giulia. Non vorrei dovermi dilungare ma ho citato solo alcune delle località in cui si è svolto o si svolgerà quest’anno lo spettacolo che domenica animerà i Giardini Estensi di Varese. Uno spettacolo pensato per i bambini che si svolge in tutta Italia”.

Continua Cecchi: “Mi sembra strano che solo a Varese susciti tutte queste critiche. Si dice sempre che si devono organizzare più proposte per i più giovani e quando lo si fa le iniziative vengono criticate. Mi auguro che invece sabato i Giardini di Varese vedano la presenza di tanti bambini e genitori con l’unico scopo di trascorrere qualche ora in allegria. In più, tra sabato e domenica, la nostra città sarà animata da tanti altri eventi: da mostre importanti fino al concerto di Antonella Ruggiero proprio nei Giardini Estensi, da appuntamenti enogastronomici in centro fino alle iniziative che si svolgeranno nei nostri siti Unesco, l’Isolino Virginia e il Sacro Monte ”.

 

23 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti a “Varese, Le Winx ai Giardini. E’ scontro sul contributo dato dal Comune

  1. a.lavit il 24 maggio 2017, ore 07:07

    Nulla contro ma in effetti siamo a fine maggio e mi pare che nessun contributo sia stato dato alle associazioni culturali che hanno fatto cultura e chiesto aiuto al comune. Gli anni addietro qualcosa arrivava.

  2. Rocco Cordì il 25 maggio 2017, ore 00:53

    Lavit non lamentarti qui si sta parlando di innovazioni culturali profonde. Pensa che dopo le Winx arriveranno Masha e Orso mentre per Peppa Pig le trattative sono in corso…

  3. a.lavit il 25 maggio 2017, ore 14:33

    Qui c’è la scusante del turismo accorpato alla cultura. Lamentarsi e’ un diritto inutile e a volte controproducente

  4. ombretta diaferia il 26 maggio 2017, ore 11:02

    quando la cultura è solo una questione di contributi…
    si chiama cultura economica!

  5. a.lavit il 27 maggio 2017, ore 08:50

    Per fortuna per quanto riguarda la nostra associazione culturale parentesi non e’ solo una questione di contributi. Non nego l’esistenza della cultura economica.

Rispondi

 
 
kaiser jobs