Varese

Varese, Dopo Gregori, anche Gaetano Iannini lascia il gruppo Galimberti

ConsigliocomunaleLa maggioranza di centrosinistra che governa il Comune viene colpita da un’altra novità: il consigliere Gaetano Iannini, eletto nella lista civica Galimberti Sindaco, ha deciso di lasciare il suo gruppo.

Una notizia che arriva a poche ore dall’uscita dallo stesso gruppo consigliare di un altro consigliere, Mauro Gregori, che ha fondato un suo gruppo, di cui Gregori è unico componente.

Ora la nuova uscita di Iannini conferma le fibrillazioni in maggioranza, che dall’inizio del mandato non sono mancate, a partire dalla prima uscita dal gruppo del sindaco, quella di Andrea Bortoluzzi.

Iannini pare sia intenzionato non ad aderire al gruppo di Gregori, ma di dare vita ad un suo gruppo, che tuttavia continua a stare nella maggioranza.

Una maggioranza che, anche dopo l’uscita di Gregori, non ha preso posizione pubblica su ciò che sta accadendo.

23 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Varese, Dopo Gregori, anche Gaetano Iannini lascia il gruppo Galimberti

  1. franco monteleone il 23 maggio 2017, ore 16:12

    Ogni gruppo consigliare partecipa alle riunioni delle varie commissioni . Se il gruppo è formato da un solo consigliere questo partecipa a tutte le riunioni e ha diritto ad un gettone di presenza. A pensar male si fa peccato…
    franco monteleone

  2. a.g. il 23 maggio 2017, ore 16:31

    Segnalo che ci sono gruppi che, con un solo consigliere, delegano più persone a seguire le commissioni, facendo pure risparmiare soldi pubblici. E’ il caso, per esempio, di Progetto Concittadino. E anche Gregori, indicando i nomi, penso si stia orientando in questo senso…

  3. ombretta diaferia il 23 maggio 2017, ore 17:18

    mi chiedo perché non facciano come Bortoluzzi, invece, di perseverare nell’onfaloscopia: vogliamo solo giovani, perché loro guardano al futuro non a conservare la poltrona!

    sopra i 40 anni dovrebbero educatamente togliere il disturbo, invece di continuare a far sgambetti al nuovo…

    ricordatevi che siete stati eletti per “amministrare” una cittadina da meno di 80.000 abitanti, non usar poltrone per farvi vedere ed ambire ad alte cariche (per le quali è richiesta la conoscenza della lingua italiana).

Rispondi

 
 
kaiser jobs