Varese

Varese, Domenica assemblea dei quasi 8mila soci della So.Crem a Giubiano

Tempio cremazione a Giubiano

Sala commiato a Giubiano

L’associazione di promozione sociale senza scopo di lucro, tra le più antiche associazioni varesine, la So.Crem, fondata nel 1880, terrà l’assemblea dei Soci domenica 21 maggio 2017 alle ore 9.30 presso la Sala del Commiato nel Cimitero Monumentale di Giubiano a Varese. I Soci sono chiamati ad approvare il bilancio consuntivo del 2016 e a discutere sull’attività svolta nello scorso anno. Saranno anche rinnovate tutte le cariche sociali compresa quella del presidente il quale ha già effettuato due mandati.

Rammentiamo che la Legge 130 del 2001 assegna alla So Crem la veste di “esecutore testamentario” per le volontà di cremazione e dispersione delle ceneri dei propri associati che versano una quota annua di € 10,00 per l’iscrizione nel registro dei Soci. L’attività del sodalizio è coronata da ottimi risultati a favore della collettività: anche nel 2016 le cremazioni nella città di Varese sono aumentate e hanno superato il 60% sui decessi (su 975 deceduti ben 587 hanno scelto la cremazione).

Per la dispersione delle ceneri So.Crem ha indetto – in collaborazione con il Comune di Varese – un “concorso di idee” per il progetto del Giardino delle Rimembranze da realizzare su un’area di 4.000 mq adiacente al Cimitero di Belforte. Hanno partecipato 44 progetti provenienti da diverse città italiane, al termine dell’esame saranno premiati i primi 3 progetti per un totale di € 10.000 messi a disposizione da So.Crem. I progetti saranno donati al Comune che potrà utilizzarli per la realizzazione dell’opera. La “terra ai vivi” è il motto della So.Crem: considerando che nello spazio di un feretro trovano posto 50 urne cinerarie, si può ben comprendere quanto territorio sia stato salvato.

Nella città di Varese in cinque anni si è risparmiato lo spazio di un cimitero delle dimensioni di uno dei 12 rionali presenti in città. Nel corso del 2016 le cremazioni totali nel Tempio di Giubiano hanno raggiunto quota 4.128, mentre nel Tempio di Busto Arsizio (aperto nel 2012) hanno superato le 1.600 unità e sono in continua ascesa. La So Crem prosegue nell’attività di sensibilizzazione verso i comuni della provincia per l’erogazione di contributi ai propri cittadini che scelgano la cremazione; ad oggi sono 60 i comuni della provincia che aderiscono a tale iniziativa. La tariffa massima per la cremazione è stabilita dal Ministero all’inizio di ogni anno e per il 2017 è pari a € 608,83.

I Comuni di Varese e Busto Arsizio erogano rispettivamente il 55% ed il 50% sul costo della cremazione ai propri residenti. I soci trentennali di So.Crem riceveranno un contributo del 50 % del costo di cremazione. La cremazione oltre ad essere una scelta di carattere intimistico e di risparmio di territorio è anche una scelta di carattere economico sui costi funerari.

17 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi